Alvin, rapito dalla mamma e portato in Siria, sta tornando a casa… a Barzago. Il piccolo era stato portato via dalla madre, radicalizzata e avvicinatasi all’Isis, nel 2014. Il padre si è sempre battuto per poterlo riabbracciare.

Alvin sta tornando a casa

Sta per concludersi, positivamente, la storia del piccolo Alvin. Una storia il cui epilogo, per ragioni di sicurezza, è rimasto celato fino a poche ore fa, quando finalmente si è diffusa la notizia che il bambino, 11 anni oggi, sta finalmente per tornare in Italia.

Ma facciamo un passo indietro e cerchiamo di ricostruire brevemente questa storia. Come raccontano i colleghi del quotidiano online GiornalediLecco.it che hanno seguito la vicenda, Alvin Berisha, nasce a Barzago da una coppia di genitori albanesi. All’età di 5 anni, nel 2014, viene rapito dalla mamma, radicalizzata e avvicinatasi all’Isis, e portato in Siria.

Il padre, Afrim Berisha, nel corso degli ultimi 5 anni, ha fatto di tutto per poter riabbracciare il figlio.

Tanti sforzi per riportarlo a casa

E grazie alla stretta collaborazione tra il Servizio di Cooperazione internazionale di Polizia, il Ros dei Carabinieri, la Farnesina e la Croce Rossa, il ragazzino, oggi undicenne, è stato è stato identificato e successivamente fatto uscire dal campo di Al Hol, in Siria: un accampamento dove sono stipati nelle tende 70mila tra donne e figli di combattenti Isis.

Leggi anche:  Schianto frontale sulla Provinciale a Usmate: muore un 26enne. Ferito un 21enne di Arcore FOTO VIDEO

Già due giorni fa la speranza di una conclusione positiva era stata annunciata dall’autorevole agenzia albanese Dosjaa con un articolo pubblicato martedì pomeriggio, ma ora il sogno è diventato davvero reale.

Il padre Afrim Berisha ha comunicato con il figlio al telefono. E’ stato girato anche un video a Damasco che è stato diffuso dal senatore lecchese Paolo Arrigoni: GUARDA QUI IL VIDEO 

Alvin partirà per l’Italia alle 17: è ormai questione di ore, e potrà finalmente riabbracciare suo padre Afrim e le sorelle, che lo attendono con impazienza a Fiumicino per poi far rientro, presumibilmente, nella casa di Barzago.

LEGGI ANCHE:

>>Alvin libero ma ferito: “Lo aspettiamo al Pirellone per poterlo abbracciare”

>>Pirellone illuminato per riportare a casa Alvin Berisha FOTO

>>Rapito dalla mamma in Siria, un appello per riportarlo a casa FOTO e VIDEO