Ancora vandalizzata la bicicletta in memoria di Matteo Trenti. L’attuale ghost-bike posizionata lungo via Azzone Visconti a Monza era stata installata nel mese di ottobre del 2018. La prima bici era stata, invece, danneggiata e rubata.

Ancora vandali in azione

Dovrebbe essere per tutti il simbolo di un grave lutto che ha scosso l’intera cittadinanza ma per qualcuno è soltanto un pezzo di metallo da colpire senza pietà. Quella bicicletta bianca dovrebbe ricordare il terribile incidente avvenuto nel mese di marzo del 2015, in seguito al quale il 16enne Matteo Trenti aveva perso la vita dopo essere stato travolto da un’auto mentre stava percorrendo via Azzone Visconti in sella alla sua bicicletta. Ma per qualcuno, evidentemente, il valore della memoria non vale nulla. Tanto che, ancora una volta, la ghost-bike dedicata a Trenti è stata vandalizzata. E’ stata notata oggi, giovedì 30 maggio, adagiata sul prato, con il cerchione di una ruota deformato e la staffa in metallo creata per sostenerla, deformata. C’è chi non vuole credere che si sia trattato di vandalismo e pensa sia colpa della casualità o del vento. Ma ci sono anche quelli che non hanno dubbi. Anche perché c’è stato un precedente. Quella posizionata nel mese di ottobre (in quell’occasione in molti si erano mobilitati per raccogliere i fondi necessari all’acquisto della targa) dello scorso anno non è la prima bicicletta in memoria di Trenti. Subito dopo l’incidente, infatti, ne era stata posizionata un’altra. Una piccola bici bianca che era stata prima vandalizzata e poi rubata.