Anziani aggrediti in casa da truffatori con spray urticante. Un malvivente era travestito da carabiniere, l’altro da idraulico.

Anziani aggrediti dai truffatori

Ancora truffe ai danni di anziani nel Nord Milano. L’episodio di ieri mattina, giovedì, è avvenuto a Cinisello Balsamo. A raccontare quanto successo è stata la figlia della coppia di anziani: marito e moglie hanno accusato malori legati alla sostanza che i truffatori avrebbero spruzzato all’interno dell’appartamento, per simulare una perdita di gas. In azione sarebbero entrati due uomini, italiani con accento meridionale, dei quali uno indossava una divisa del tutto simile a quella dell’Arma. L’altro era vestito da idraulico. Si sono presentati alla porta dicendo che nella via c’era una tubatura rotta, con “dispersione di sostanza chimica”. E hanno chiesto ai due anziani di verificare l’acqua in casa.

“Vedendo una divisa i miei genitori si sono fidati”

“I miei genitori, di fronte a un uomo in divisa, si sono fidati e li hanno fatti entrare – ha raccontato la figlia su Facebook – I due di nascosto hanno spruzzato del gas irritante dicendo che proveniva dalle tubature. A mia mamma è venuto il vomito, a mio papà lacrimavano gli occhi. I due truffatori ne hanno approfittato per rubare i soldi”. Poi l’appello della figlia, che è lo stesso che le Forze dell’ordine rilanciano quotidianamente. “Fate attenzione e avvisate i vostri cari, soprattutto se anziani, di non aprire mai agli sconosciuti, nemmeno se in divisa. Se hanno dubbi chiamino subito la Polizia e i Carabinieri, quelli veri, per chiedere conferma che abbiano mandato degli agenti. C’è troppa gente schifosa in giro”.

Leggi anche:  Ladri di gioielli traditi dalla loro "ingordigia"

Un’altra truffa nella mattinata di ieri, giovedì

I Carabinieri della Compagnia di Sesto San Giovanni stanno indagando su un altro episodio, avvenuto sempre ieri, giovedì, in mattinata, a Cinisello Balsamo. A essere truffata è stata una donna di 79 anni, che vive sola. Alla sua porta si sono presentate due persone, che dalla descrizione fornita ai militari (quelli veri) potrebbero essere gli stessi dell’intossicazione con lo spray urticante. Uno era vestito da tecnico dell’acquedotto, l’altro era invece vestito di nero. In testa aveva un berretto da baseball con uno stemma a fiamma, del tutto simile a quello dell’Arma. Ma non si sarebbe qualificato come carabiniere. E’ stato in silenzio, mentre il complice – con la scusa di una presunta contaminazione delle tubature dell’acqua – ha convinto l’anziana a prendere tutti i valori che aveva in casa, lasciandoli sul frigorifero. I balordi sono poi scappati con un bottino che si aggira attorno a 2.500 euro in contanti.

L’impegno quotidiano dei militari

La Compagnia di Sesto è quotidianamente impegnata nell’attività di informazione, tra incontri e conferenze pubbliche. Ora sono in progetto delle iniziative che coinvolgano direttamente gli amministratori di condominio. Obiettivo: arrivare anche a quegli anziani che non escono mai di casa. E che per i truffatori sono purtroppo le vittime predilette per i loro raggiri.