Cane senza guinzaglio scorrazza per la città e finisce pure in Comando a Trezzo. Grazie a un residente i vigili lo rintracciano e poi multano la proprietaria.

Un Cane senza guinzaglio va a trovare i vigili in Comando e non solo

Da alcune settimane in città era stata segnalata alla Forza pubblica la presenza nel centro storico di un cane meticcio di colore beige. Risultava circolare liberamente, senza padrone e senza guinzaglio, benché “vestito” con un maglioncino. La scorsa settimana si era introdotto anche nel cortile del Comando della Polizia Locale, ma prima di essere acchiappato dagli agenti  aveva approfittato dell’apertura del cancellino da parte di un utente per scappare.

Il secondo avvistamento

Domenica 27 gennaio 2019, conclusa la commemorazione del giorno della Memoria, verso le 11.15, mentre gli agenti erano in piazza Crivelli, erano stati avvicinati da un residente che lamentava la presenza di un cane libero in via Torre. I funzionari erano quindi usciti a cercarlo, ma invano. Ma la Locale non si era datata per vinta e nei giorni successivi aveva rintracciare l’animale, convocando il segnalante in comando giovedì mattina per invitarlo a fornire maggiori informazioni. Si era quindi riuscito a risalire all’identità del proprietario.

La convocazione in comando e la duplice sanzione

Espletati gli opportuni accertamenti e un sopralluogo al domicilio, il cane risultava corrispondere a quello entrato nel cortile del Comando e avvistato senza padrone in via Torre domenica mattina dal solerte segnalante. Regolarmente dotato di microchip e detenuto con una catena in un corsello del terrazzino posto all’ingresso al piano terra dell’abitazione, la proprietaria riferiva agli agenti che talvolta portava l’animale in casa, ma all’apertura della porta di ingresso ogni volta scappava. Le è stato spiegato che in base al nuovo Regolamento della Regione non si può più tenere il cane alla catena. Alla proprietaria sono quindi state elevate due sanzioni dell’importo di 50 euro l’una. Ognuna per omessa custodia, nei rispettivi giorni di accertamento, ai sensi del vigente regolamento di Polizia Urbana. Il persistere della condotta darà luogo a denuncia penale per malgoverno e omessa custodia di animali.

Leggi anche:  Dalle multe aiuti alla mobilità dolce

Il commento dell’assessore alla Sicurezza

“Amiamo tutti i cani, ma non possono circolare da soli sulla strada, poiché rischiano di causare incidenti o, peggio ancora, di venire investiti – ha dichiarato l’assessore alla Sicurezza Silvana Centurelli – Senza contare che, se non è presente il padrone, nessuno raccoglie i loro escrementi che imbrattano la via pubblica. Un ringraziamento quindi a tutti i trezzesi che contribuiscono a tenere più pulita la nostra città, segnalando alla Polizia Locale comportamenti che vengono sempre puntualmente verificati”.

Clicca qui per tornare alla home page e leggere altre notizie del giorno.