Presentato il progetto di riqualificazione di villa Banfi a Carnate che prevede anche la realizzazione di una casa di riposo adiacente la via Marconi.

La conferenza stampa di presentazione

Il sindaco Daniele Nava insieme al suo braccio destro l’assessore Egidio Passoni hanno presentato giovedì scorso alla stampa il progetto di riqualificazione della storica villa Banfi che prevede anche la costruzione di un nuova casa di riposo.

Dopo anni di attesa e un cantiere fermo, sembra essere arrivato il riscatto per villa Banfi e per il ritorno all’interno delle sue mura del comune e dei suoi uffici. L’azienda costruttrice ProEdil ha infatti presentato un progetto di riqualificazione per la struttura che comprende anche la costruzione di una nuova Rsa con la possibilità di ospitare fino a 140 ospiti. Nelle vecchie scuderie, di proprietà della stessa ProEdil, si insidierà invece una struttura di social housing dove ci saranno appartamenti protetti per gli anziani che avranno anche una serie di servizi a portata di mano.

Leggi anche:  Bimbi architetti, la mostra degli alunni di Masih e Anzani

Le dichiarazioni del sindaco

«Iniziamo a presentare il progetto che una volta partito dovrebbe ridare al paese e alla comunità la villa Banfi entro trenta mesi – ha affermato il sindaco Nava – L’operatore ha presentato la sua idea di intervento che prevede la costruzione della nuova casa di riposo a fianco della villa Banfi, lungo la via Marconi: una struttura dell’altezza di tre piani e dove potranno essere ospitati fino a 160 persone. L’operatore si occuperà di ristrutturare la villa che tornerà sede del comune e dove si potrà anche tornare a fare i consigli comunali. Tutta la villa rimarrà di proprietà comunale, come ovviamente anche San Probo».

Per la sistemazione di villa Banfi si stima un investimento da parte del privato di circa un milione di euro a cui si aggiungono circa 10milioni di euro per la realizzazione della casa di riposo.