Fermato dai Carabinieri a Meda per un normale controllo, è emerso che doveva scontare una pena di oltre cinque anni per reati di droga. In carcere è finito un marocchino di 26 anni, irregolare e nullafacente.

Marocchino fermato a Meda

Un marocchino  è stato fermato dai Carabinieri in via Ticino a Meda per un normale controllo. Dalle verifiche al terminale è emerso che doveva scontare una pena di oltre cinque anni per reati di droga. E’ finito in carcere. Si tratta di un 26enne irregolare sul territorio italiano, celibe e nullafacente, con un fittizio domicilio a Milano.

Una pesante condanna per droga

Sul nordafricano pendeva un provvedimento per scontare una pena di cinque anni, tre mesi e ventotto giorni per spaccio di stupefacenti, oltre a 17mila euro di recupero pena pecuniaria nonché l’interdizione perpetua dai pubblici uffici e l’interdizione legale durante l’esecuzione della pena. La Procura aveva emesso il provvedimento di carcerazione il 19 novembre scorso, ma da allora lo straniero risultava irreperibile.

Leggi anche:  Evaso e scoperto dai Carabinieri con l'auto in panne

Arrestato l’anno scorso con la cocaina

Lo straniero era stato arrestato dagli uomini della Sezione operativa della Compagnia di Seregno il 21 maggio dello scorso anno, nella zona di Carugo dove era stato trovato in possesso di cinquanta grammi di cocaina, ancora grezza e da suddividere in dosi.  All’epoca gli investigatori avevano ritenuto il marocchino non un semplice spacciatore bensì un “galoppino”, inserito in una rete più ampia dedita allo spaccio di stupefacenti.

Torna alla home page.