Comitato Genitori insorge contro l’Amministrazione comunale: “Eliminate le risorse per la realizzazione della nuova mensa alla scuola di Tregasio”, frazione di Triuggio.

Comitato Genitori insorge

In una lettera il Comitato Genitori in difesa della scuola di Tregasio scrive: “Dapprima l’idea del plesso unico, che di fatto avrebbe privato la nostra frazione della scuola, senza un progetto alternativo; ora l’eliminazione delle risorse economiche destinate alla realizzazione della mensa della scuola di Tregasio.

Con una delibera di Giunta del 14 marzo 2019 il sindaco Pietro Cicardi ha infatti deciso di eliminare il finanziamento inerente la realizzazione della nuova mensa nel plesso di Tregasio destinando le relative risorse al completamento del marciapiede di via Diaz.

Non è certo una questione campanilistica; si elimina il finanziamento per la realizzazione di una struttura scolastica, che necessita di una completa ridefinizione, indispensabile per la sicurezza dei nostri ragazzi, per completare un marciapiede.

Come dire, meglio un bel marciapiede, visibile a tutti, piuttosto che destinare risorse alla realizzazione di una struttura scolastica, non precaria, destinata ad affinare e sostenere attività di formazione dei nostri ragazzi che sono il nostro futuro.

La scelta operata dalla giunta si pone in netta contrapposizione con i bisogni della scuola elementare di Tregasio, la cui mensa, realizzata negli anni Ottanta per essere provvisoria, è lì da quell’epoca ed è stata oggetto nel corso degli anni di piccoli accorgimenti, ora non più accettabili; il rifacimento della mensa si pone quale opera indispensabile e non più prorogabile.

Leggi anche:  Lentate: grave malore in ditta per una 53enne

Si sottolinei che, in seguito al polverone sollevato con l’idea del plesso unico è stato creato un Gruppo di studio informale denominato “Obiettivo scuola”, con l’intento appunto di monitorare la situazione dei plessi scolastici presenti sul territorio. Orbene, in detta sede, la migliore nella quale affrontare la tematica del rifacimento della mensa scolastica, o per meglio dire, la sottrazione dei relativi fondi, la questione neppure è stata accennata.

Ci chiediamo per quale ragione una decisione così importante sia stata assunta dalla giunta, con una delibera anonima, senza alcuna discussione di Consiglio comunale, quasi a sperare che scivolasse via inosservata. Ci chiediamo anche se siano stati coinvolti nel processo decisionale quantomeno altri organismi collegati alla vita scolastica quali la Commissione Mensa, il Comitato Genitori e il Consiglio di Istituto.

Per certo, il Comitato genitori e cittadini in difesa della scuola di Tregasio ha appreso la notizia a giochi fatti. Ogni commento è superfluo, ciascuno di noi è sicuramente in grado di dare un giudizio consapevole. Forse la lettura a scuola di poesie e favole da parte del sindaco è la conferma che la nuova mensa era una favola annunciata ma non detta”.

Il servizio anche sul Giornale di Carate in edicola da oggi martedì 26 marzo 2019.