Cornate, ecco i nuovi defibrillatori. Sabato mattina, nella sala pluriuso del Comune, sono stati consegnati i due macchinari donati alla cittadinanza da aziende e ditte del territorio. L’installazione dei defibrillatori rientra nel progetto “Cuore in Comune”, iniziativa proposta dall’azienda specializzata Italian Medical System e accolta con entusiasmo dall’Amministrazione comunale di Cornate.

Numerose le realtà coinvolte nel progetto

L’iniziativa, proposta dall’azienda Italian Medical System, ha riscosso molto successo. Numerose le aziende e le ditte del territorio che hanno deciso di sostenere il progetto e di donare i due nuovi defibrillatori al Comune.

“Non servono molto parole per descrivere un progetto così importante e significativo – ha commentato il sindaco Fabio Quadri – Ci tengo però a ringraziare tutta la comunità, che ha raccolto l’invito con entusiasmo. E’ stata creata una rete capace di lavorare al meglio e di generare un bene per tutta la collettività. Si sono mossi in tanti e per noi, a livello di Amministrazione, è un orgoglio constatare come tanti sponsor arrivino proprio dal nostro territorio”.

Due i defibrillatori che verranno installati in paese:

“Abbiamo scelto di posizionare i totem contenenti i defibrillatori in due posizioni opposte tra loro. Uno sarà fuori dal Comune, che rappresenta un po’ il cuore del paese. Il secondo, invece, sarà posizionato a Villa Paradiso: è il luogo più isolato di Cornate e con meno servizi”.

Il funzionamento dei defibrillatori

A spiegare sommariamente il funzionamento dei defibrillatori è stato il dottor Riccardo Martinelli, che è intervenuto subito dopo il sindaco Quadri:

“Per prima cosa ci tengo a ringraziare la comunità di Cornate per come ha accolto il nostro progetto Cuore in Comune. Abbiamo dimostrato che la sinergia tra pubblico e privato può funzionare nel migliore dei modi, a patto che ci sia onestà e correttezza da entrambe le parti. Per quanto riguarda i defibrillatori il loro utilizzo è molto semplice: sarà sufficiente partecipare a un corso di cinque ore per essere abilitati all’uso. Dal canto nostro ci occuperemo della manutenzione dei macchinari, che vi prometto non verranno abbandonati a loro stessi”.

Al termine della spiegazione il sindaco Quadri, in rappresentanza di tutta l’Amministrazione comunale, e il dottor Martinelli hanno consegnato una targa di ringraziamento alle oltre 30 aziende e attività che hanno voluto offrire il loro contributo per la causa “Cuore in Comune”.

Leggi anche:  Gli artisti di Caponago in vetrina