Dopo aver inaugurato da sindaco di Ceriano Laghetto diverse iniziative antispaccio, il vicesindaco Dante Cattaneo ieri  ancora a disturbo dei pusher.

Dante Cattaneo contro i pusher, nuova puntata

Negli anni si sono visti consigli comunali, traslochi dell’ufficio del sindaco, “Ferragosti Antispaccio”, concerti e persino i monaci tibetani: tutte iniziative messe in campo dall’ex sindaco Dante Cattaneo e dalla sua Amministrazione contro lo spaccio e i pusher all’interno del Parco delle Groane, e in particolare nella zona della stazione ferroviaria. Nei giorni scorsi una nuova puntata: smessa la fascia tricolore, Cattaneo non ha lasciato la sua lotta allo spaccio.

LEGGI ANCHE: Chiusa la stazione di Ceriano, il sindaco: “Arriveranno orde di tossici”

Accampamento smantellato

Ieri infatti Cattaneo ha partecipato a una nuova “battuta” antispaccio nei boschi insieme alla Polizia locale e ai volontari Gst. Nessuna ronda, il gruppo è rimasto sempre in contatto con i carabinieri e aveva l’unico scopo di “disturbare” con la propria presenza il mercato della droga nei boschi.  Operazione riuscita, tanto che  si è arrivati anche allo smantellamento di un accampamento “in attività”, come dimostra anche il pericoloso fuoco acceso dai pusher e prontamente spento dal gruppo. “Tutto questo – ha scritto Casttaneo sulla sua pagina Facebook – avviene nel cuore del Parco Groane: ma noi non siamo quelli dei No, del Non ci compete, Non ci spetta.  Non stiamo in panchina, collaboriamo in prima linea, seppur con le nostre poche forze, perché il nostro Ambiente è un bene troppo prezioso per tutti noi”. 

LEGGI ANCHE: Droga al Parco delle Groane, Lega a Lamorgese: “Più forze dell’ordine”