Ore 19: Nel pomeriggio, un 35enne marocchino, regolare, si è costituito alla Stazione dei carabinieri di Seregno riferendo di aver accoltellato la moglie 34enne albanese, all’interno dell’autovettura di quest’ultima, parcheggiata lungo la via Romagnosi di Seregno. La donna era stata trasportata in rosso ed è deceduta nel pomeriggio presso l’Ospedale di Monza. I due coniugi, che hanno un bambino di 5 anni, da circa due mesi non vivevano più insieme per problemi di coppia.

Ore 17.10: sono in corso da parte dei militari i rilievi sull’utilitaria scura Chevrolet sulla quale è stata soccorsa la donna. Indagini in corso per individuare l’esatto luogo dell’aggressione. Dai primi riscontri sembra che la donna sia di origine straniera, così come il suo aggressore. Lei albanese, lui nordafricano. Al momento dell’aggressione, avvenuta con un coltello, la vittima era con il figlioletto di 5 anni che fortunatamente non è rimasto coinvolto e per il quale non è stato quindi disposto il trasporto in ospedale. Sembrerebbe che all’origine dell’aggressione ci sia il rapporto ormai deteriorato tra la donna e l’uomo, ora in fuga. L’aggressore risiede nelle immediate vicinanze del luogo dove sono intervenuti i soccorritori, e anche la donna vive non lontano, in centro città.

16.10: Aggressione in pieno centro a Seregno.

Leggi anche:  Lutto nazionale, botta e risposta tra Rosalba Colombo e Laura Besana

Aggressione in via Romagnosi

Pochi minuti fa una donna è stata aggredita in via Romagnosi. Sul posto i carabinieri del Nucleo operativo della Compagnia di Seregno e i colleghi della stazione cittadina, subito al lavoro per i rilievi che consentiranno di ricostruire l’accaduto. I militari sarebbero sulle tracce di un uomo, l’aggressore della donna, che alcuni testimoni avrebbero visto scappare a piedi. La donna, soccorsa in gravi condizioni a bordo di un’auto, dovrebbe essere trasportata a breve all’ospedale di Desio. Di lei si sta occupando in questo momento il personale dell’automedica e della Croce Verde di Lissone.