“Roba da matti”. Così l’ex Ministro dell’Interno Matteo Salvini ha definito la terribile vicenda delle donne picchiate a Lecco nel sottopassaggio della stazione ferroviaria.

Una vicenda che vi abbiamo raccontato nella giornata di ieri (QUI POTETE LEGGERE L’ARTICOLO), ma che i nostri colleghi del quotidiano onlineGiornalediLecco.it hanno approfondito con diversi articoli.

Leggili di seguito: 

Aggressione assurda in stazione: picchia due donne e poi fugge. Arrestato

Donne picchiate a Lecco, si torna a parlare della chiusura notturna della stazione

Donne picchiate a Lecco,  “Si è toccato il fondo”. Rabbia e indignazione

Donne picchiate a Lecco, Gd e Appello: “Strumentalizzazione vergognosa delle destre”

L’assurdo episodio è avvenuto lunedì e non smette di far discutere. Anche il leader del Carroccio è intervenuto sul caso nelle ultime ore. A far indignare Salvini è in particolare il provvedimento cautelare assunto nei confronti dell’uomo, originario del Togo e residente a Lecco e con un precedente penale per rapina impropria, che si è reso responsabile del pestaggio di una 18enne e di una 55enne.

Leggi anche:  Lunedì arriva Salvini ad Arcore, ma c'è chi non lo vuole

Qui il video:

Salvini: “Altro che domiciliari, galera ed espulsione”

Salvini infatti, nel pubblicare il violento video ha commentato “A Lecco un immigrato clandestino del Togo spinge una ragazza giù dalle scale e stende a pugni una signora, senza ALCUN MOTIVO”.

“Arrestato e processato per direttissima, è già stato rimandato ai domiciliari in attesa della prossima udienza. Roba da matti. Altro che domiciliari, GALERA senza sconti ed ESPULSIONE per questi delinquenti”.

LEGGI IL POST DI SALVINI A QUESTO LINK