Sorpreso per due volte dai Carabinieri con la droga, è finito in carcere. Nei guai un seregnese di 29 anni al quale il Tribunale ha revocato l’affidamento terapeutico, al quale era sottoposto dopo una condanna passata in giudicato.

Utilizza droga e finisce in carcere

Per due volte è stato sorpreso dai Carabinieri in possesso di droga per uso personale. Per questo il Tribunale di Monza gli ha revocato la misura alternativa al carcere dell’affidamento terapeutico. Nei guai un 29enne italiano residente a Seregno, arrestato dai Carabinieri e associato alla casa circondariale di Monza.

Condannato per guida sotto l’effetto di droga

Con la misura alternativa il giovane avrebbe dovuto scontare cinque mesi e dieci giorni per guida in stato di alterazione psicofisica a causa dell’assunzione di stupefacenti, reato commesso nel 2015. Ma il mancato adempimento delle prescrizioni previste dall’affidamento terapeutico ne ha comportato la revoca.

Il giovane già noto alle forze dell’ordine

I militari dell’Arma locale hanno eseguito nei giorni scorsi il provvedimento di revoca emesso dal Tribunale del capoluogo. Il 29enne finito in carcere risulta celibe, privo di occupazione e con pregiudizi penali di polizia.

Leggi anche:  Evaso e scoperto dai Carabinieri con l'auto in panne

Torna alla home page.