Il consigliere regionale del Pd Gigi Ponti del Pd ha chiesto risposte rapide al consiglio lombardo sulla Stema group di Ronco Briantino dove sono a rischio 57 posti di lavoro.

L’intervento di Ponti

Si è tenuta martedì pomeriggio, in IV Commissione Attività produttive, l’audizione in merito alla crisi aziendale e occupazionale della Stema Group con le organizzazioni sindacali, il Comune e l’Afol Monza e Brianza.

“Nella storica aziende di Ronco Briantino sono a rischio 57 lavoratori, con una buona professionalità che potremmo perdere” ha commentato Gigi Ponti, consigliere regionale del Pd, che ha chiesto la convocazione dell’audizione.

La chiusura della storica azienda

Dopo il fallimento ufficiale dell’azienda che produce componenti per divani letto, la speranza dei sindacati e dei lavoratori, era di poter continuare a produrre grazie alle commesse ancora in essere con due importanti aziende di Francia e Germania. Una speranza stroncata sul nascere dal curatore fallimentare che il giorno stesso del fallimento ha deciso di porre i sigilli all’azienda di via Brigatti.

“Servono risposte veloci affinché si salvaguardi l’intero perimetro occupazionale – ha affrmato Ponti – E queste soluzioni devono venire da Regione Lombardia, per il tramite di Polis, ovvero l’agenzia che si occupa delle politiche del lavoro, che dovrà seguire da vicino la situazione, a partire dalla domanda di concessione della cassintegrazione speciale fino al possibile acquisto dell’azienda o di un suo ramo”.