Come riportato su Settegiorni, in edicola da venerdì 24 maggio, una fiorista è stata aggredita a Pregnana Milanese nel pomeriggio di mercoledì 22 maggio 2019.

Fiorista aggredita a Pregnana Milanese

Gravissima aggressione nel tardo pomeriggio di mercoledì 22 maggio a Pregnana, nella centralissima via Roma. Una donna di 43 anni, da una vita titolare del negozio di fiori Punto Verde, è stata aggredita senza ragione da un vicino. L’uomo, un nullafacente pregiudicato italiano classe 1962, si è introdotto di soppiatto nel negozio dalla porta sul retro e ha iniziato a colpire la donna con calci e pugni. Una violenza inaudita interrotta solo dall’intervento di un vicino di casa, Nicola S., che seguendo i lamenti ha raggiunto il negozio e assistito alla drammatica scena. L’aggressore a quel punto se n’è andato, rientrando nella propria abitazione come se nulla fosse accaduto e lasciando la donna in una pozza di sangue. Poco dopo, è stato arrestato dai carabinieri. Questa mattina è stato processato per direttissima per i reati di violazione di domicilio e lesioni personali. La donna è stata ricoverata con una prognosi di 40 giorni, sotto shock per l’aggressione improvvisa e priva di ragioni.

Leggi anche:  Seveso, malore al supermercato: interviene l'automedica

Parla l’eroe che l’ha salvata la donna

Nicola S. è il vicino di casa della donna aggredita. E’ intervenuto per salvarla e ha raccontato a Settegiorni quello che è successo:

“Non ho fatto nulla di particolare. Ho sentito delle grida femminili e poi mugugnare. Seguendo i lamenti dietro al negozio ho trovato la donna. L’aggressore mi ha minacciato ma non siamo arrivati alla colluttazione. Il retro del negozio era pieno di sangue. Appena sono arrivato l’uomo era sopra la donna e la stava prendendo pugni in faccia”.

LEGGI ANCHE: Il sindaco di Pregnana esprime solidarietà alla fiorista aggredita