Fuga e incidente dopo il furto al discount arrestati dai carabinieri. I due limbiatesi di 30 e 37 anni sono stati rintracciati rapidamente grazie al numero di targa annotato da alcuni clienti

Fuga e incidente dopo il furto al discount arrestati dai carabinieri

Non è durata a lungo la fuga di due limbiatesi di 30 e 37 anni, già noti alle forze dell’ordine, che nel pomeriggio di martedì avevano preso di mira l’Eurospin di via XXV Aprile a Limbiate. I due uomini in fuga, residenti a Pinzano, poco lontano dal supermercato, sono stati arrestati per rapina aggravata.

Hanno aggredito un addetto alla sicurezza

Erano entrati insieme nel discount come due normali clienti, ma mentre si trovavano tra gli scaffali, hanno cercato di rubare dei prodotti alimentari. Ma sono stati scoperti da un addetto alla sicurezza, che alla vista del furto in atto ha provato a trattenerli: i due però hanno reagito aggredendolo e spintonandolo.

Tentano la fuga in auto

Corsi fuori dal punto vendita, sono saliti a bordo di una Mercedes classe A, nel tentativo di far perdere le loro tracce. Ma alcuni clienti si sono dimostrati particolarmente attenti e, vista la scena, hanno preso nota del numero di targa della vettura in fuga. Intanto venivano allertati i carabinieri che si dirigevano sul posto.

Leggi anche:  Inizia questa sera la Sagra d'estate all'oratorio San Giorgio

I clienti avevano preso nota della targa

Raccolte le testimonianze dei presenti, i militari sono stati informati anche del prezioso dato raccolto dai clienti. Dal numero di targa hanno infatti appreso che si trattava di vecchie conoscenze, quindi sono andati ad attenderli nei pressi della loro abitazione, in via XX Settembre.

L’incidente ha messo fine alla fuga

Il conducente del veicolo in fuga però, alla vista dell’auto di servizio delle forze dell’ordine, ha perso il controllo del veicolo, andando a sbattere contro un’altra auto in sosta. L’incidente ha messo fine alla fuga dei due limbiatesi che, una volta usciti dall’abitacolo, sono stati bloccati dai carabinieri e tratti in arresto. Ora dovranno rispondere davanti al giudice di rapina aggravata.