Furti al Polo di Meda, via anfora e fiori dall’aiuola curata dai volontari dell’associazione di quartiere.

Furti al Polo

Ladri di nuovo in azione al Polo, nelle aree verdi curate dall’associazione di quartiere: nei giorni scorsi, infatti, è sparita un’anfora con fiori posizionata per abbellire la zona del parco «Beretta Molla». «Siamo passati dalla sparizione di piantine al furto di oggetti ornamentali», si sfogano i volontari guidati dalla presidente Luisa Brusa. «Non è la prima volta che veniamo presi di mira – aggiungono – Non sappiamo se è opera di qualche ragazzino che si diverte a fare i dispetti oppure se è qualcuno che vuole rifarsi il giardino. Di certo tutta l’anfora con dentro terra, sassi e fiori aveva un bel peso, avrà anche fatto fatica a sollevarla».

Non è la prima volta che capita

Capita spesso che gli infaticabili volontari, che con impegno e dedizione, rimboccandosi le maniche, curano una ventina di aiuole lungo via Tre Venezie, devono fare i conti con l’inciviltà di certa gente. L’anno scorso infatti ignoti avevano distrutto i fiori e rovesciato i sacchi di erbacce appena raccolte. Ma anche altre volte era capitato che fiori ed essenze appena piantati o piccole anfore «sparissero» nel nulla. Gesti irrispettosi nei confronti del sodalizio da anni impegnato nella pulizia e nella conservazione del verde pubblico, che vede svanire tutti i suoi sforzi. E rivolgendosi proprio a chi ha compiuto questo gesto di cattivo gusto dicono: «Se ti fosse servito un vaso per abbellire il tuo giardino, potevi tranquillamente passare da noi in associazione che avremmo sicuramente trovato qualcosa di tuo gradimento da regalarti…».

Leggi anche:  Colpito da infarto e imbottigliato in coda: salvato dalla Polstrada

Ma l’associazione non si scoraggia

Ogni suo tentativo di mettere i bastoni tra le ruote all’associazione sarà comunque vano: «Può continuare a prendere anfore, piantine o fiori, noi non ci arrenderemo e non smetteremo mai di impegnarci per il bene comune». I volontari si rivolgono però anche all’Amministrazione comunale: «Serve al più presto un sistema di videosorveglianza». E lanciano un appello a chi vuole dare una mano: «Ringraziamo i tesserati e gli sponsor perché con i loro contributi ci permettono di andare avanti. Ma abbiamo sempre bisogno di nuovi volontari, chi vuole unirsi è benaccetto. Siamo aperti a tutti». Il sodalizio si riunisce ogni giovedì dalle 21 alle 23 al Palameda e gli incontri riprenderanno già il 5 settembre.