Furti, vandalismi e bivacchi: notte di follia all’Omni. Non c’è pace e non c’è limite al peggio per il centro scolastico superiore Omnicomprensivo di Vimercate. Ha dell’incredibile quanto si sono inventati alcune decine di studenti. Nella scorsa notte, ultima prima della fine dell’anno scolastico, hanno letteralmente preso d’assalto le parti comuni e anche alcune aule e palestre dei quattro istituti che fanno parte del centro, lasciando dietro di loro parecchi danni e mettendo a segno persino un furto.

Festa incominciata nel parcheggio e degenerata nella scuola

Tutto è incominciato qualche ora prima. Come tradizione ormai da alcuni anni, diverse centinaia di studenti, pare almeno 400, si erano trovati  nella serata di giovedì nel parcheggio antistante  per festeggiare con abbondante alcol la fine dell’anno scolastico. A notte inoltrata un nutrito gruppo di loro, probabilmente i più alticci, hanno pensato bene di scavalcare le recinzioni ed entrare nel centro scolastico, forze anche per cercare riparo dalla pioggia.

Danni all’impianto elettrico e alla palestra

La situazione è però ben presto degenerata. Alcuni hanno preso di mira l’impianto elettrico che corre lungo il soffitto delle pensiline che coprono i vialetti interni che conducono ai vari istituti. I cavi sono stati letteralmente strappati dal soffitto. Altri si sono diretti verso  l’area sportiva. Hanno sfondato una porta di accesso alla tensostruttura che ospita una delle palestre e hanno lanciato di tutto all’interno. Hanno anche danneggiato irrimediabilmente i pali che sorreggevano la rete di pallavolo.

La porta di accesso alla palestra sfondata dai vandali che, una volta all’interno, hanno poi danneggiato le strutture sportive e hanno bivaccato

Furto di materiale didattico, bivacchi nelle aule e muri imbrattati

Nel frattempo altri hanno preso di mira l’istituto Einstein. Hanno forzato la finestre di una classe, una volta all’interno hanno rubato le due casse audio delle lavagne  multimediali. Non contenti, si sono fermati a bivaccare sui banchi, lasciando poi un cimitero di bottiglie e confezioni vuote di cibo.

Leggi anche:  I giovani di Arcore e Vimercate sono arrivati a Santiago de Compostela

Organizzata persino una grigliata tra i vialetti interni

Mentre qualcuno proseguiva l’assalto imbrattando i muri con scritte di ogni genere, c’è chi ha persino pensato di organizzare all’interno del polo scolastico una grigliata, con tanto di barbecue portato da casa.

Anche i dirigenti scolatici al lavoro

La mattina successiva i dirigenti scolastici, gli insegnanti, il personale non docente e i tanti studenti non coinvolti nel raid si sono trovati davanti ad un vero e proprio campo di battaglia. Oltre ai danni, anche distese di vetri e avanzi di cibo ovunque e, come detto, persino all’interno delle classi. Gli stessi presidi si sono rimboccati le maniche e si sono messi al lavoro per riportare la situazione a uno stato di decoro.

Ennesimo episodio in un centro scolastico abbandonato

Si tratta dell’ennesimo grave episodio al centro scolastico di via Adda (in passato si era registrata anche una vera e propria sollevazione da parte dei docenti) che denota innanzitutto l’inciviltà di un gruppo di studenti, ma che al tempo stesso ripropone il tema dello stato di abbandono del polo scolastico provinciale dove, soprattutto dopo il calar del sole non vige alcun tipo di controllo.

I presidi chiedono interventi urgenti

Tutti i particolari, le foto inedite della devastazione e lo sfogo dei dirigenti scolastici (che sono tornati a chiedere interventi drastici per garantire la sicurezza) sul Giornale di Vimercate in edicola martedì e sull’edizione digitale sfogliabile.