Giornata contro la violenza sulle donne: Lissone si tinge di rosso

Segnali rossi per la città, ma anche un incontro per dibattere sul tema della relazione fra uomo e donna, una mostra con spunti di riflessione e uno spettacolo teatrale per porre al centro il tema dell’amore violento.

Sono questi gli appuntamenti che l’Amministrazione Comunale di Lissone proporrà in occasione del 25 novembre 2019, Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne. Iniziative realizzate in collaborazione con QDonna in veste di capofila e coordinatrice del progetto, ma promosse con il supporto delle numerose associazioni aderenti al Forum Donne.

Gli eventi prenderanno il via domenica 17 novembre in Piazza Libertà, dove istituzioni, associazioni e cittadini si ritroveranno per la verniciatura e il posizionamento di segnaletica stradale.

Il secondo appuntamento è previsto sempre per domenica 17  alle 16 nella Sala Polifunzionale della Biblioteca Civica di Lissone con “Parole e immagini: costruire relazioni libere da stereotipi”. Nel weekend del 16 e 17 novembre, nello spazio espositivo della Biblioteca Civica verrà contestualmente esposto il quadro “Danzare in libertà”.

Sabato 23 novembre alle ore 21, Palazzo Terragni ospiterà lo spettacolo a ingresso gratuito “L’amore è un colpo di pistola”: musica, parole e immagini per raccontare un dramma quotidiano. Nel weekend del 23 e 24 novembre, la sala espositiva di Palazzo Terragni ospiterà anche la mostra “Immagini per riflettere”, cenacolo degli artisti del Centro “Colori della Vita”.

Leggi anche:  E' morto in ospedale l'uomo che mercoledì a Cambiago era stato trovato riverso nel parcheggio del centro commerciale

“Un momento per riflettere”

“La violenza sulle donne non è solo è fisica – ha fatto sapere il sindaco di Lissone Concettina Monguzzi – ci sono altre forme più subdole, come quella psicologica, che si manifesta con una smania di possesso e di controllo. Ecco perché una data come il 25 novembre permette una riflessione ampia da condividere con la cittadinanza. Attraverso queste iniziative vogliamo trasmettere il senso del rispetto verso la donna, sempre e comunque”.

“Per combattere ogni violenza di genere è necessario promuovere costantemente la cultura del rispetto e della parità fra uomo e donna – dichiara Anna Maria Mariani, assessore ai Servizi sociali – per questo, fra le iniziative in programma, ce ne saranno alcune che vedranno la presenza di uomini, donne, ragazzi e ragazze. Occorre che tutti si sentano coinvolti perché solo la consapevolezza del problema può diventare leva e spinta di cambiamento”.