Tutto il paese, sabato 14 settembre, si è stretto attorno alla famiglia della piccola Giulia Pirotta, 10 anni, drammaticamente scomparsa in un incidente stradale mentre si trovava con la famiglia in vacanza in Tunisia.

“Giulia ora parlaci degli angeli”

Villasanta si è fermata per salutare Giulia Pirotta, rimasta vittima di un incidente stradale sabato scorso mentre era in vacanza con i genitori in Tunisia. Lo ha fatto partecipando silenziosamente ai suoi funerali che si sono tenuti sabato 14 settembre nella Chiesa di Sant’Anastasia.
C’era tanta gente comune a dare l’ultimo saluto alla piccola Giulia. C’erano anche tutti i compagni della scuola elementare Oggioni, con palloncini e rose bianche in suo ricordo.

Un ricordo che sbiadirà difficilmente visto che Giulia, con la sua curiosità ed energia aveva conquistato il cuore di tutti.

Le parole della mamma

Una cerimonia toccante durante la quale ha preso la parola anche la mamma di Giulia, Angela Frosio, che con la voce rotta dall’emozione, ha parlato a tutti:

“Io e Gianluca vorremmo ringraziare famigliari, amici, le comunità di Villasanta e di Berbenno –  dove la famiglia era di casa -, gli ex compagni, i vicini, i colleghi, i dirigenti, gli agenti e i consulenti. Non facciamo nessun nome ma il grazie è per tutti perché solo così non rischiamo di tralasciare nessuno. Grazie per questo immenso abbraccio e per la grande vicinanza che avete dimostrato nei nostri confronti”.

Leggi anche:  Scritta omofoba in ospedale: «Via di qua lesbica» e scatta la denuncia

Mamma Angela ha anche voluto lasciare un messaggio per i compagni di classe della 5^B.

“Sappiate che Giulia è molto fiera e orgogliosa di voi. Giulia sarà sempre con noi. La sua energia, curiosità e voglia di imparare e, perché no, testardaggine, siano da esempio per i nostri giorni. Infine Giovanni, piccolo grande Giogio, ricordati che Giulia rimarrà per sempre la tua sorella, non smetterà mai di volerti bene e lei resterà per sempre nel cuore accanto a te. Ciao Giulia”.

Il ricordo toccane dello zio

Durante i funerali è stata letta anche la testimonianza, toccante,scritta da don Lorenzo Frosio, lo zio di Giulia, che ha voluto dedicare parole intense alla sua nipotina.

“Giulia sei troppo meravigliosa per dimenticarti – ha sottolineato il parroco alla Missione di Bradford, nel Regno Unito – L’ultima volta che ti ho incontrata è stata un mese fa, il 10 di agosto giorno di San Lorenzo. Venendomi incontro con la tua naturalezza mi chiedevo quale principessa mi stesse incontrando, con quei bei capelli intrecciati come le Madonne di Raffaello, il tuo volto paffuto e la tua allegrezza… Giulia racconta ai nostri cuori distratti le bellezze del paradiso. Parlaci della grande pace, del grande silenzio e della infinita dolcezza.”

Leggi la lettera integrale domani, martedì 17 settembre, in edicola con Il Giornale di Vimercate