Giussano, litiga con la madre, si ferisce con un coltello e minaccia i carabinieri.

In via Statuto

Giussano, litiga con la madre e si ferisce con un coltello. L’ennesimo litigio con la madre per questioni di soldi, che questa volta però finisce con le manette. Protagonista un 32 enne di Paina, L. L. che nella notte tra venerdì e sabato ha creato non pochi problemi ai militari.
Poco dopo mezzanotte è infatti arrivata in comando la chiamata di una giussanese, 68enne, vedova, pensionata, la madre del ragazzo che ha allertato il 112 per chiedere aiuto. Tra i due era scoppiata una violenta lite: il figlio, senza lavoro già con precedenti di Polizia, chiedeva insistentemente soldi. La madre spaventata ha quindi avvisato i carabinieri, che sono arrivati subito sul posto.
Alla vista dei militari però il 32enne, ha brandito un grosso coltello che c’era in casa – con una lama di 12 centimetri – che ha usato contro se stesso, ferendosi lievemente al polso sinistro.
Non contento però è sceso per strada e ha iniziato a minacciare i carabinieri, giunti dalla stazione di Seregno, Verano e Giussano. Con grande fatica i militari sono riusciti a calmarlo e a bloccarlo.
L’uomo è stato medicato dal personale del 118 ma ha rifiutato il ricovero.
Finito in manette è stato deferito con l’accusa di minaccia aggravata a pubblico ufficiale e porto abusivo d’arma.