Giussano, minacce e botte alla madre, per soldi: arrestato. Medicata e con 8 giorni di prognosi la donna che già altre volte aveva subito l’aggressione e la violenza del figlio.

Giussano, minacce e botte alla madre, per soldi: arrestato

Giussano, minacce e botte alla madre, per soldi: arrestato giovane di 20 anni, nato a Milano ma di origine ivoriana. Intervento dei carabinieri e dei soccorritori del 118 questa notte in via Corridoni, dopo la chiamata giunta in centrale di una donna che segnalava forti urla nell’appartamento accanto al suo.

Sul posto sono così arrivate attorno a mezzanotte, due pattuglie dei carabinieri, che hanno trovato sotto il portico della palazzina, mentre usciva, il giovane, in evidente stato confusionale sotto l’effetto di droghe.

Sono quindi saliti al secondo piano dello stabile, nell’abitazione di una giussanese assistita da una badante e qui hanno trovato proprio la badante, mamma del giovane,  con la faccia gonfia  e il volto tumefatto.

Il ragazzo, classe 1998, già con precedenti per droga e reati contro il patrimonio, dopo aver minacciato la madre con un coltello e un pezzo di vetro, dopo averla spintonata contro una finestra, rompendola, l’ha colpita con un pugno in faccia.

Leggi anche:  Rocambolesco incidente: auto resta incastrata nella ciclabile

Voleva i soldi e con violenza si è accanito contro la madre, 54enne, spaventando anche l’anziana giussanese, che ha assistito impotente a tutta l’aggressione. Impaurite le due donne si sono chiuse in camera. Il ragazzo, nel frattempo, si è portato via il borsellino della madre, con dentro i soldi.  E’ però stato fermato mentre usciva, proprio dai militari che erano appena arrivati.

Il giovane dopo essere stato portato in ospedale perchè in stato confusionale, è stato portato al carcere di Monza. Medicata e con 8 giorni di prognosi la madre, che già altre volte aveva subito l’aggressione e la violenza del figlio, per questioni di soldi, soldi che gli servivano per acquistare droghe sintetiche e marijuana.

Il giovane è accusato di rapina aggravata, ma si potrebbe configurare anche il reato di maltrattamenti in famiglia.