Guida senza patente un’auto rubata e si spaccia per la sorella. E’ successo nei giorni scorsi a Bovisio. La 30enne italiana è di Cesano.

Guida senza patente un’auto rubata e si spaccia per la sorella

Guida senza patente un’auto rubata e si spaccia per la sorella. E’ stata così denunciata una donna di 30 anni, italiana e residente a Cesano Maderno. La 30enne guidava senza patente da anni e oltretutto viaggiava su una macchina rubata.

Quando la Polizia provinciale l’ha fermata per un controllo nei giorni scorsi a Bovisio Masciago, la donna aveva appena lasciato il figlio a scuola. Durante il controllo aveva detto agli agenti di aver lasciato i documenti a casa e aveva fornito le generalità della sorella (effettivamente titolare di patente).

Una versione sospetta

Gli agenti, dopo aver sottoposto a controllo la vettura si sono accorti di alcune discrepanze nella documentazione fornita e hanno accompagnato la 30enne ufficio. Qui la scoperta dapprima sulla macchina, una Fiat 500 Abarth risultata rubata, e poi dell’identità della donna che poi ha ammesso di aver usato varie volte il trucchetto di fingersi la sorella (da cui poi si faceva prestare la patente per mostrarla successivamente in un ufficio di Polizia diverso da quello che aveva provveduto a fermarla).

Leggi anche:  Una petizione per salvare la stazione Cesano - Groane

La donna è stata denunciata

La macchina è stata quindi sequestrata mentre la donna, sottoposta a fermo di polizia giudiziaria, è stata poi riaccompagnata nella propria abitazione e denunciata per guida senza patente, false dichiarazioni sulla propria identità a pubblico ufficiale e ricettazione di veicolo rubato.

LEGGI ANCHE: La baby gang di Cesano finisce in comunità