L’Asd Trezzo piange Fausto Rocca, membro dello staff societario e padre di Luca, giocatore della Juniores, che per i suoi compagni era il «papà di tutti».

I funerali di sabato

Commozione sabato scorso nel pomeriggio a Roncello, in occasione dei funerali del 51enne, il cui corpo è stato trovato senza vita mercoledì scorso nell’Adda. La società trezzese si è presentata al gran completo, in particolare, i ragazzi della Juniores, formazione dove Rocca faceva il dirigente e il guardalinee durante le partite.

«Aveva iniziato a darci una mano questa estate – ha ricordato Antonio Magni, responsabile dello staff agonistico del sodalizio – In passato, seguendo il figlio, aveva fatto parte del Bm Sporting, dopodiché, quando ha saputo che quest’anno il mister della nostra Juniores sarebbe stato, Ferdinando Solcia, una sua vecchia conoscenza, aveva deciso di darci una mano». E da allora la sua presenza è stata costante dentro e fuori dal campo. «Oltre a fare il guardalinee durante le partite, non mancava mai a un allenamento – ha ripreso Magni – Tutti i ragazzi gli erano affezionati e, considerando la squadra una sorta di famiglia, per loro è come se avessero perso un familiare. Da parte mia posso dire che Fausto era eccezionale; sempre molto disponibile e pronto a dare una mano. Per un mese ho avuto l’ernia inguinale e non potevo alzare pesi, così lui si è sempre offerto di prendermi le borse. Adesso non ci resta che stare vicino a Luca, fargli sentire l’affetto della società e aiutarlo in questo difficile momento».