Il Sottosegretario Candiani si trovava alla fiera bolognese con la madre quando sono stati aggrediti da un gruppo di uomini che aveva imbastito il gioco delle tre campanelle.

Sottosegretario Candiani aggredito al Cosmoprof

Cinque giorni di prognosi per lui e 10, con trauma cranico, per la madre 74enne. Il Sottosegretario dell’Interno Stefano Candiani è stato aggredito sabato 16 marzo 2019 mentre si trovata tra gli stand del Cosmoprof, la fiera di Bologna del mondo della cosmesi in cui opera da oltre 40 anni l’azienda di famiglia. A causare l’aggressione da parte di un gruppo di esteuropei, la minaccia di Candiani, smartphone alla mano, di chiamare la Polizia: “A un certo punto proprio davanti al nostro stand si è fermato un gruppo di uomini che ha iniziato a fare il gioco delle tre campanelle disturbando i visitatori” ha spiegato Candiani a Il Resto del Carlino. Lui ha ripreso la scena, croupier, finti giocatori, spettatori e pali.

Finiti in ospedale

Appena si è accorta di essere ripresa, la cricca si è scagliata su Candiani e la madre, iniziando a strattonare il politico leghista nel tentativo di toglierli il cellulare. Nel parapiglia, anche la madre di Candiani è stata colpita, finendo a terra dove ha sbattuto la testa. “E’ successo tutto in attimo – ricorda Candiani – Non potevo aspettarmi una reazione tanto violenta”. La confusione generale ha attirato molte persone, e le forze dell’ordine, e convinto gli aggressori a darsi alla fuga, inseguiti dal Sottosegretario.

Leggi anche:  Aggressione a Brugherio, due giovanissimi feriti in un incidente a Besana

Cinque denunciati

L’intervento della Polizia e i filmati hanno permesso di identificare i cinque colpevoli. Due di loro, macedoni (un 56enne già noto per furto e un 40 per ricettazione), sono stati denunciati per violenza privata e lesioni, e trattenuti per la convalida dell’espulsione con accompagnamento. Agli altri tre, due macedoni e un rumeno, è stato disposto un ordine di allontanamento. “Non è la prima volta che vedo queste attività al Cosmoprof, evidentemente c’è mercato – conclude Candiani – Ringrazio la Polizia, e spero non finisca tutto in nulla. Vanno inasprite le sanzioni: è gente violenta e pericolosa”.

LEGGI ANCHE: Nuova spaccata in un bar di Ceriano. Il sindaco: “Confidiamo nel Decreto Sicurezza”

Approvato il decreto sicurezza in Senato. Ci spiega tutto Nicola Molteni VIDEO