A poco meno di due settimane dalla scomparsa dello storico militante della Lega Beniamino Redaelli LEGGI QUI, la sezione arcorese del Carroccio, oggi pomeriggio, sabato, ha intitolato la sede di via Casati alla memoria dell’ex consigliere comunale e storico fondatore della sezione arcorese del Carroccio. Intitolazione condivisa con Valerio Fontana, un giovane che arcorese che morì in un incidente stradale nel 2006 a Concorezzo.

Presente tutto lo stato maggiore della Lega brianzola

Alla cerimonia, guidata dal segretario arcorese del Carroccio Laura Besana insieme al consigliere comunale Enrico Perego, oltre ai famigliari di Redaelli, era presente tutto lo stato maggiore della Lega brianzola, a cominiciare dagli onorevoli Giulio Centemero, Massimiliano Capitanio e dal senatore Emanuele Pellegrini. C’era poi il consigliere regionale Andrea Monti oltre al commissario provinciale Andrea Villa e al segretario della Circoscrizione Molgora Vittorio Mandelli.

C’erano anche gli esponenti arcoresi di Fratelli d’Italia, Forza Italia e di “ImmaginArcore”

Alla cerimonia hanno preso parte anche l’ex segretario della sezione arcorese di Fratelli d’Italia Pino Tozzi e il consigliere comunale Cristiano Puglisi, oltre all’esponente di Forza Italia Attilio Cazzaniga.

Leggi anche:  Arcore: tutto esaurito al cimitero, in arrivo 250 nuovi loculi

E non è mancato anche il saluto di un avversario politico della Lega. Stiamo parlando di Roberto Sala, storico esponente della Sinistra arcorese, che ha portato i saluti della lista civica “ImmaginArcore”.

“Beniamino militante unico”

“Beniamino era l’anima della Lega arcorese e questa sede è stata aperta grazie a lui – ha sottolineato il segretario Laura Besana – E la presenza così massiccia di tutti voi, questo pomeriggio, testimonia quanto Beniamino era amato e benvoluto. Ringrazio di cuore per la sua presenza con noi Roberto Sala, avversario politico della Lega ma amico di Beniamino. A questa cerimonia abbiamo invitato anceh gli esponenti della Giunta guidata da Rosalba Colombo che, però, hanno declinato l’invito. Peccato…”.