Ladri al centro anziani beffano la volontaria. E’ successo nei giorni scorsi a Cascina Gaeta di Cesano Maderno.

Ladri al centro anziani beffano la volontaria

Un attimo di distrazione è costato caro, nei giorni scorsi, a una delle due generose volontarie del bar del centro anziani di Cascina Gaeta di Cesano Maderno. In tre, le hanno rubato la borsetta. Dentro, le chiavi di casa, il portafogli con 70 euro in contanti, le fotografie ricordo del marito e dei genitori scomparsi, la carta di identità e la tessera sanitaria. Tanto spavento e tanta amarezza per Anna, 80 anni e un cuore grande di cui i tre balordi si sono approfittati.

Volontaria beffata con la scusa del caffè

E’ successo pochi minuti dopo le 14. “Avevo aperto il bar da qualche minuto – ricorda la donna – quando sono entrati in tre. Due uomini e una donna”. Hanno ordinato tre caffè e Anna, per nulla insospettiva dai perfetti sconosciuti, ha iniziato a servire il primo, un uomo robusto, sulla cinquantina, brizzolato e con la barba. “Quando mi sono girata per portare sul bancone il secondo caffè, non li ho visti più. Così sono andata fuori a cercarli. Niente. Spariti. Nel tornare al bancone non ho più trovato la mia borsetta”.

L’appello della volontaria: “Aiutatemi a ritrovare almeno le foto”

Come d’abitudine, l’ottantenne aveva appoggiato la borsetta su un mobiletto accanto al bancone e uno dei tre sconosciuti, mentre lei preparava i caffè, è riuscito ad allungare la mano e agguantarla. “Non mi interessa niente della borsa, del portafogli e dei soldi che c’erano dentro, ma per favore, chiunque trovi le fotografie di mio marito e dei miei genitori me le riporti. La borse era grigio-verde con l’interno rosso e il portafogli maculato beige”, l’appello della donna. A correre subito in suo aiuto Raffaello Fioravanti, punto di riferimento per gli anziani del “Parco delle noci”. E’ stato l’ex consigliere comunale della Lega ad accompagnare l’ottantenne alla Tenenza dei carabinieri per sporgere denuncia.