Tre denunce e un arresto in appena tre giorni. Tutti per furto. E il sospetto è che gli autori possano essere ladri pronti a piazzare la merce sul «mercato nero».

Ladri tra gli scaffali dell’Iperal

I carabinieri della caserma cittadina hanno denunciato prima due uomini residenti a Desio, entrambi pregiudicati, e poi una donna di nazionalità romena incensurata e senza fissa dimora che tra martedì e mercoledì si sono resi autori di furti tra gli scaffali del punto vendita «Iperal» in via Marengo. Nel mirino tranci di affettati, pesce, conserve e scatolame di grosso taglio per un valore di almeno 150 euro. Il sospetto è che la merce sottratta dovesse essere destinata al mercato nero: proposta «porta a porta» a negozi e ristoranti, ma anche rubata e consegnata «su commissione» spesso fuori zona, o destinata ai mercati ambulanti.

Arresto: presa una 43enne

E’ scattato invece l’arresto giovedì in tarda mattinata per un’altra cliente: una monzese di 43 anni già sottoposta agli arresti domiciliari. Sfruttando un permesso di libera uscita, la donna Jovanka Dell’Innocente, classe 1975, è stata sorpresa a rubare tra gli scaffali.
Insieme a una complice che si è data alla fuga dopo avere abbandonato la borsa con la refurtiva, la monzese aveva ripulito il reparto cancelleria. Le due ladre erano riuscite a nascondere penne, matite, gomme e altri prodotti per un valore complessivo di quasi 600 euro. Notata da un vigilante del punto vendita, la monzese è stata fermata alle casse. Processata per direttissima, è stata nuovamente sottoposta alla misura dei domiciliari senza più la possibilità di beneficiare di ore di permesso.