Legionella. I Comuni di Bresso e Cormano informano. “Si continua a monitorare la situazione, mettendo in campo tutte le iniziative atte a prevenire il batterio”. Attivata anche una info line per i cittadini.

Legionella a Bresso: ecco gli interventi messi in atto dal Comune

A seguito dei numerosi casi di Legionella nella zona di Bresso e Cormano le Ats d della Città Metropolitana di Milano proseguono le indagini In particolare sono stati svolti campionamenti ambientali  in tutte le abitazioni dei casi segnalati, delle fontane e di altre aree sensibili. Sono in corso inoltre presso il Laboratorio di Prevenzione le analisi dei 208 campioni prelevati presso 29 abitazioni e 15 siti sensibili esterni i cui primi esiti definitivi saranno pronti entro 7/10 giorni. .

I prelievi nell’acquedotto

Dall’inizio del verificarsi dei casi di legionellosi, Gruppo CAP, che gestisce la rete idrica di tutti i Comuni della Città metropolitana di Milano, compreso Bresso, ha eseguito fin dal 19 luglio tempestivi prelievi in 13 punti dell’acquedotto pubblico nell’area cittadina, compresi pozzi, impianti
di stoccaggio e casa dell’acqua. I controlli analitici sono stati ripetuti anche il 24 luglio e i risultati dello screening con il metodo PCR hanno escluso
la presenza di Legionella.

Sanificazione con il cloro

Ad ogni modo, in via precauzionale, è stata messa in atto dai tecnici del gruppo che gestisce la rete idrica, la sanificazione con cloro del pozzo di Via Lurani, mentre proseguono senza sosta le indagini e le analisi sul territorio e sull’acquedotto, per approfondire e confermare i primi risultati.

Anche il Comune si muove: attivata anche una info line

Come già ribadito nei giorni scorsi, in accordo con l’Assessore al Welfare di Regione Lombardia, Giulio Gallera, è stata costituita una task force presso il Municipio che sta coordinando gli interventi e fornendo le informazioni ai cittadini.

E da oggi è attiva anche una info line da lunedì a venerdì dalle 9.00 alle 12.00 (martedì e giovedì anche dalle 15.00 alle 18.00): 02/61455200. Si tratta di un servizio telefonico che consente ai cittadini di ricevere informazioni e chiarimenti. Infomrazioni che i residenti potranno ricevere anche presso i tre gazebo predisposti nei punti più frequentati. Ovvero presso i supermercati Esselunga e LIDL e davanti all’Ufficio Postale, con la collaborazione dei volontari della Protezione Civile e con il supporto della Croce Rossa. Per i più anziani invece è stato istituito un servizio a domicilio con interventi di sanificazione dell’acquan e pulizia di filtri e rubinetti.

Chiuse le fontane e incontri con gli operatori del settore

L’Amministrazione Comunale ha disposto dal 18 luglio la chiusura della fontana decorativa del mappamondo in via Roma 5, oltre che le atre fontane pubbliche, e intrapreso una campagna informativa rispetto ai corretti comportamenti da tenere per prevenire il contagio da legionella e
per la corretta manutenzione degli impianti idrici domestici.
Si sono svolti diversi incontri con ATS, amministratori di condominio, medici di base, esercenti commerciali e artigianali che operano in settori potenzialmente esposti al rischio. A tutti loro è stato chiesto di adoperarsi per adottare tutte le azioni utili per ridurre il rischio di infezioni da legionella.

Leggi anche:  Sequestro di articoli di maglieria falsi per mezzo milione di euro VIDEO

Ancora ignota l’origine del contagio

Al momento, fanno sapere dal Comune, non è purtroppo possibile individuare le origini del contagio. Tutti gli sforzi delle autorità sanitarie sono quindi volte a questo obiettivo. L’importante,sottolineano, è evitare inutili allarmismi e seguire le indicazioni fornite dal vademecum distribuito dall’Amministrazione Comunale e dall’ATS.
In particolare ricordarsi che il batterio della legionella NON si trasmette:
– da persona a persona;
– attraverso gli alimenti;
– bevendo e utilizzando l’acqua per alimenti.

Non esiste inoltre alcun tipo di rischio per l’utilizzo dell’acqua alimentare e non sussiste alcuna restrizione al normale svolgimento dell’attività nelle varie comunità (scuole, luoghi di lavoro, ecc).

Buone prassi:

Si segnala invece che occorre:
– Provvedere alla manutenzione dei punti di emissione di acqua del rubinetto nelle abitazioni attraverso la sostituzione dei filtri o lasciandoli a bagno con anticalcare;
– Lasciar scorrere l’;acqua calda e poi la fredda prima di utilizzarla, allontanandosi dal punto di emissione dopo l’apertura dei rubinetti ed aprendo le finestre. Eseguire sempre questa operazione dopo periodi di assenza dall’abitazione (esempio periodo di ferie);
– A titolo precauzionale, all’esterno delle abitazioni evitare le fonti di emissione di acqua vaporizzata, ad esempio non stazionando nei pressi degli irrigatori automatici o delle fontane presso le abitazioni;
– Fare la doccia solo dopo aver fatto scorrere l’acqua calda e fredda ed essersi momentaneamente allontanati dal punto di emissione dell’acqua e avere aperte le finestre;
– Evitare l’utilizzo di vasche con idromassaggio.
– Evitare di irrigare i giardini utilizzando pompe con diffusori a spruzzo;
– Evitare di lasciare esposte al sole le canne per irrigazione di orti e giardini.
– Evitare l’impiego di acqua del rubinetto per riempire gli apparecchi per aerosolterapia o ossigenoterapia;