“Mi hanno rapinato”, invece si era giocata i soldi al Lotto. I carabinieri di Besana non hanno creduto alla versione di una 69enne della città che ha poi confessato ed è stata denunciata per simulazione di reato.

I soldi bruciati al gioco

La donna – casse 1950, vedova, casalinga – dopo aver prelevato oltre mille euro all’ufficio postale di via Donatori di Sangue, se li era giocati tutti al Lotto.

Per nascondere la pesante perdita ai figli, ha pensato di simulare una rapina. Si è così recata alla caserma dei carabinieri di Besana, denunciando di essere stata rapinata da due sconosciuti, armati di coltello.

“Mi hanno preso il portafoglio e i soldi prelevati”, ha assicurato ai militari. Militari poco convinti però dalla versione offerta dalla 69enne. Hanno approfondito le indagini ed hanno scoperto che in passato era stata protagonista di diversi episodi analoghi, tutti falsi.

La donna ha alla fine confessato di soffrire di ludopatia ed è stata denunciata per simulazione di reato.