Molotov contro la caserma dei carabinieri di Concorezzo. E’ successo all’alba.

Molotov contro la caserma

L’allarme è scattato all’alba: ignoto avrebbe lanciato due bottiglie molotov all’interno dei cancelli della caserma dei carabinieri di Concorezzo, in via Federico Ozanam. Da una prima ricostruzione, pare che solo una sia esplosa. Le indagini sono in corso. Le immagini delle telecamere di videosorveglianza avrebbero ripreso il colpevole entrato in azione intorno alle 5: un uomo con il volto travisato.

Sul posto sono al lavoro il comandante,  luogotenente Fulvio Caratenuto,  il Capitano della Compagnia di Monza Pierpaolo Pinnelli  e la squadra investigativa di Monza incaricata dei rilievi.

Capitanio (Lega): “Gesto gravissimo, piena solidarietà alle Forze dell’ordine”

In mattinata ha raggiunto la caserma anche l’onorevole della Lega Massimiliano Capitanio, originario di Concorezzo.

“Ho portato di persona la mia solidarietà e vicinanza all’Arma dei carabinieri e al comandante della stazione di Concorezzo. Quanto avvenuto questa notte, per fortuna senza conseguenze, è un gesto gravissimo e vigliacco, e spero che gli autori possano essere identificati in fretta. Subito questa mattina mi sono confrontato con il ministro dell’Interno Matteo Salvini perché questi atti intimidatori non vanno assolutamente sottovalutati, a prescindere dal movente”.

Leggi anche:  Lite al matrimonio tra adolescenti nomadi: inseguimento e sparatoria

Il presidente della Provincia: “Chi tocca l’Arma, tocca lo Stato”

Solidarietà anche dal presidente della Provincia Roberto Invernizzi. “Nell’attesa di comprendere la dinamica di quanto accaduto, esprimo la vicinanza dell’intero territorio all’Arma, alla caserma di Concorezzo, ai riferimenti provinciali”. “Chi tocca l’Arma, tocca lo Stato – ha aggiunto – Quanto accaduto è un segnale che va capito fino in fondo e opportunamente punito”.

Seguono aggiornamenti