Monza, morto al San Gerardo il bimbo leucemico che aveva contratto il morbillo in reparto

“E’ deceduto, in data odierna, per complicanze polmonari e cerebrali da morbillo, il piccolo di 6 anni che si trovava presso il reparto di rianimazione dell’Ospedale San Gerardo di Monza.

Esempio emblematico

La storia di questo piccolo affetto da leucemia e’ l’esempio di come la cosiddetta ‘immunita’ di gregge’ sia fondamentale per la protezione di coloro che, per
la loro malattia o per lo stato di trattamento in cui si trovano, non sono protetti, anche quando fossero vaccinati dal morbillo cosi’ come da altre malattie infettive”.

Parla l’assessore regionale

Lo ha detto l’assessore al Welfare di Regione Lombardia Giulio Gallera in una nota.

“Il piccolo – ha spiegato l’assessore – era affetto da una Leucemia Linfoblastica Acuta (LLA), malattia che oggi ha una probabilita’ di guarigione in oltre 85% dei casi con forme simili. In data 15 Marzo, per il sospetto di infezione da morbillo (diagnosi confermata il 16 Marzo), e’ stato trasferito in terapia intensiva per il peggioramento progressivo del quadro polmonare con necessita’ di assistenza respiratoria.

Leggi anche:  E' morto il 18enne coinvolto nell'incidente avvenuto a Seveso

Importante vaccinarsi

E’ stato intubato e successivamente e’ iniziata l’assistenza mediante ECMO per insufficienza cardiaca o respiratoria, proseguita fino alla data di oggi”.

“Ci tengo a sottolineare – ha concluso l’assessore – come solo l’immunita’ di gregge, cioe’ la vaccinazione di oltre il 95% dei bambini, sia l’unica strada per tutelare soggetti immunodepressi o che hanno contratto malattie come nel caso del piccolo del San Gerardo, che per queste ragioni non possono vaccinarsi”.