Incontro in Prefettura a Monza fra il sindaco di Seregno, Alberto Rossi, e i vertici delle forze dell’ordine sulla sicurezza alla stazione. Per il momento nessun presidio fisso della Polfer.

Incontro del sindaco in Prefettura

Questa mattina, lunedì, incontro in Prefettura a Monza sulla sicurezza della stazione ferroviaria di Seregno. Erano presenti anche i vertici delle forze dell’ordine, fra cui il comandante della Compagnia locale dei Carabinieri e il comandante della Polizia locale, oltre al funzionario di Rfi che gestisce le infrastrutture ferroviarie.

Al momento nessun presidio fisso della Polfer

Durante la riunione è emerso che, almeno per il momento, è esclusa la possibilità di istituire un presidio fisso della Polfer, la Polizia ferroviaria, come aveva richiesto il primo cittadino, Alberto Rossi. Negli ultimi anni sono stati chiusi alcuni presidi in Lombardia e Seregno non rientra nelle priorità in materia di prevenzione. Fra i temi di discussione in Prefettura anche i controlli congiunti delle forze dell’ordine.

Giovedì sopralluogo di Rfi in stazione

Giovedì in stazione è previsto un sopralluogo dei tecnici di Rfi e dell’Amministrazione per analizzare diversi aspetti in tema di sicurezza: in particolare la videosorveglianza nella parte dello scalo merci a ridosso di via Comina, l’illuminazione, la chiusura notturna dei cancelli d’accesso nonché la manutenzione dell’immobile.

Leggi anche:  Sorpreso con la droga finisce in carcere

La soddisfazione del sindaco Rossi

Il sindaco si è detto soddisfatto dell’incontro in Prefettura perché “per la prima volta la questione del presidio Polfer in stazione è stata portata al tavolo di confronto. Nell’immediato non è possibile istituirlo ma è un tema sul quale rimane alta la nostra attenzione. Rfi ha comunque mostrato una disponibilità molto ampia per vedere come si possono aumentare le condizioni di sicurezza della stazione”.  Ogni giorno vi transitano 14mila persone, fra andata e ritorno.