Ovile abusivo, maxi blitz in via Rosmini. Oltre 170 gli animali detenuti in condizioni non idonee. A entrare in azione la Polizia locale, in un’operazione congiunta con  Carabinieri forestali, Polizia provinciale, Enpa e Ats.

Il fatto

A fronte di alcune segnalazioni arrivate al Comando di via Marsala e in seguito inoltrate alla Procura della Repubblica, otto agenti del Nost, il Nucleo operativo di sicurezza tattica della Polizia Locale, insieme a due unità dell’ufficio ambiente e due dell’ufficio edilizia, hanno effettuato un maxi blitz, disposto dal Pubblico ministero e coordinato dalla Procura di Monza, in via Rosmini 13, in un’area di circa 1000 metri quadrati, verificando lo stato dei luoghi e quello relativo alla detenzione degli animali. Al maxi blitz hanno partecipato anche gli agenti della Polizia provinciale di Monza, i Carabinieri forestali della stazione di Carate Brianza e numerosi addetti dell’Ats, con l’Unità del Servizio sanità animale e della prevenzione.

Il blitz: gli animali trovati

In un’ala del fabbricato, adibito a ovile, sono state contati circa 170 ovini detenuti in condizioni incompatibili con la loro natura. L’Ats li ha presi in carico marcandoli sul posto, mentre nei prossimi giorni provvederà a trasmettere alla Procura una idonea relazione sullo stato di detenzione e sugli accertamenti sanitari. Lo stesso accadrà per due mucche rinvenute senza indicazioni di provenienza e alcuni cani privi di registrazione all’anagrafe canina e “chippati” sul posto dal personale dell’Ats. Otto conigli, detenuti in condizioni di maltrattamento, sono stati invece subito affidati all’Enpa.

Leggi anche:  Yorkshire sbranato sotto gli occhi del padrone

Gli immobili

In un’altra ala dell’edificio, alcuni locali, che erano stati adibiti ad attività di caseificazione e di macellazione abusiva, sono stati posti sotto sequestro, mentre è stato interrotto un allaccio abusivo alla linea elettrica. Nei prossimi giorni i tecnici dell’Enel quantificheranno l’entità del danno subito. L’ufficio edilizia del Comune ha accertato, infine, variazioni nella destinazione d’uso del fabbricato per il quale sono in corso le opportune verifiche. Sono state accertate anche varie violazioni di carattere penale e amministrativo ora al vaglio delle autorità competenti.

La soddisfazione di sindaco e assessore

“Continua l’attività di contrasto all’illegalità e all’abusivismo in città da parte dell’Amministrazione con il fondamentale supporto della nostra Polizia Locale. In questo caso, in particolare, ci hanno allarmato anche le ripetute segnalazioni di presunti maltrattamenti di animali che hanno richiesto l’organizzazione di un intervento coordinato con altri operatori specializzati – hanno commentato il sindaco Dario Allevi e l’assessore alla Sicurezza, Federico Arena dopo il maxi blitz di via Rosmini – La sicurezza si conferma una nostra priorità e proseguiremo su questo fronte con la determinazione di sempre”. L’operazione nell’ovile abusivo è avvenuta solo qualche ora prima della presentazione ufficiale in Comune del nuovo comandante, Pietro Curcio.