Polizia locale, il giorno del nuovo comandante. Pietro Curcio, il nuovo comandante della Polizia locale è stato presentato questa mattina in Comune. Cinquantasette anni, laureato in Giurisprudenza, Curcio arriva da Sesto San Giovanni ed è sposato.

La presentazione

Entrato in servizio il 27 dicembre dopo il bando di concorso lanciato dall’Amministrazione comunale, il nuovo “titolare” del Comando di via Marsala è stato presentato dal sindaco Dario Allevi e dall’assessore alla Sicurezza, Federico Arena. “E’ un orgoglio essere qui, grazie al sindaco e al Comune per l’incarico che mi è stato affidato – sono state le prime parole di Curcio – Grazie anche al personale che mi ha accolto in questi giorni dove sto cercando di conoscere tutti e prendere confidenza con il Comando e la macchina comunale”.

Gli obiettivi

Il nuovo comandante ha poi tracciato i primissimi obiettivi del suo mandato monzese: “Saremo impegnati in un percorso di efficienza e presenza sul territorio seguendo le indicazioni che ci darà l’Amministrazione comunale. Le nostre parole d’ordine saranno legalità, rispetto delle regole, senso del dovere, professionalità e confronto con la cittadinanza. Ai cittadini vogliamo dare aiuto e risposte. Il presidio del territorio e la percezione della sicurezza saranno fondamentali, ma evidentemente non trascureremo viabilità, sicurezza stradale e il controllo su commercio e cantieri”.

Leggi anche:  Verano, ladri in oratorio. Rubano due birre

Il benvenuto di sindaco e assessore

Il nuovo comandante ha ricevuto il saluto e un messaggio di buon lavoro dal sindaco Allevi: “Riteniamo sia l’uomo giusto al posto giusto e di aver scelto per il meglio. Fin dall’inizio è scoccata la scintilla, nel frattempo un doveroso grazie va a chi ha retto finora il Comando. La sicurezza rimane tra le nostre priorità, ce lo chiedono i cittadini”. Parole confermate dall’assessore Arena: “A breve metteremo mano al regolamento di Polizia urbana, vogliamo essere ancora più incisivi su accattonaggio, prostituzione, abusivismo commerciale e monitoraggio dei negozi etnici”.