La sostanza è che un gruppo legato alla galassia “antagonista” del capoluogo di regione agevolava l’occupazione abusiva degli immobili in cambio di soldi: sono stati smascherati e in cella sono finiti 7 italiani, 1 colombiano ed 1 peruviano con l’accusa di associazione per delinquere.

Il racket delle occupazioni abusive

Questa mattina, giovedì 13 dicembre 2018, i carabinieri del Comando Provinciale di Milano hanno eseguito, nei quartieri di Lorenteggio e Giambellino, un’ordinanza di misura cautelare emessa dal Gip del Tribunale di Milano nei confronti di nove persone – sette italiani, un colombiano e un peruviano – appartenenti all’area antagonista milanese, ritenute responsabili di associazione per delinquere finalizzata all’occupazione abusiva di immobili di proprietà pubblica e alla resistenza a pubblico ufficiale.

Sequestro di nove appartamenti Aler

E’ in corso il sequestro preventivo di 9 appartamenti di proprietà dell’Aler (Azienda Lombarda Edilizia Residenziale) abusivamente occupati. L’indagine, avviata nell’ottobre 2016, ha consentito di accertare l’esistenza di un gruppo criminale dedito ad agevolare l’occupazione abusiva degli immobili in cambio di un sostegno economico alle loro iniziative.

Leggi anche:  “Farai la fine di Sana”, picchia la figlia che rifiuta matrimonio combinato

Chiuso anche un centro sociale

Sequestrato anche il centro sociale “Base di solidarietà popolare” che si trova in via Manzano 4. Gli operatori dell’Aler stanno sigillando l’immobile applicando lastre di ferro alle finestre e agli ingressi.

LEGGI ANCHE: Aler, la Regione azzera l’affitto agli anziani