Riempie di botte la moglie, arrestato un operaio 35enne.

Riempie di botte la moglie sotto gli occhi dei figli

In più di un’occasione aveva riempito di botte la moglie, anche sotto agli occhi dei figli, spedendola al Pronto soccorso. Nel primo pomeriggio di venerdì 12 ottobre i carabinieri della stazione di Meda, in collaborazione con il Nucleo tutela donne e minori della Polizia locale di Milano, lo hanno arrestato, dando esecuzione a un ordine di custodia cautelare in carcere emessa il giorno precedente, giovedì, dal gip di Monza per maltrattamenti aggravati. L’arresto è avvenuto a Lentate sul Seveso, nell’abitazione in cui l’uomo, un 35enne operaio, italiano, già noto alle forze dell’ordine, si era recentemente trasferito.

In più occasioni la donna era finita al Pronto soccorso

Dagli accertamenti effettuati dall’Arma medese e dal Nucleo milanese è emerso che più di una volta il 35enne avrebbe picchiato la moglie, sua coetanea, anche lei italiana, in presenza dei figli minori della coppia. Gli episodi si sono verificati negli ultimi mesi, il primo a luglio e l’ultimo il 3 ottobre. La donna aveva denunciato il marito, ma quando finiva al Pronto soccorso per le percosse subite, al personale riferiva di essersi procurata le contusioni con incidenti domestici o comunque inventava delle scuse. Nonostante gli atteggiamenti violenti del consorte, infatti, la 35enne non riusciva a separarsi da lui. Dopo l’ultimo episodio e il conseguente arresto del marito, la moglie non ha accettato il trasferimento con i figli in una struttura protetta.