Rimedi anti zanzare: 10 metodi per tenerle lontane.

Rimedi anti zanzare

Anche in Brianza, si sa, d’estate scatta l’allarme zanzare. Come difendersi quindi dall’assalto puntuale che ogni anno si ripropone con i caldi estivi? Ecco 10 dritte furbe per evitare di finire divorati.

Naturali

Se per voi la parola d’ordine è “naturale” partiamo con delle soluzioni green.
1 Citronella: la nemica principale delle zanzare. Pianta tropicale perfetta e resistente durante i climi estivi se ben annaffiata. Coltivatela in prossimità del vostro portico oppure tenetene dei vasi sul balcone.
2 Gerani: probabilmente i fiori più gettonati sui balconi degli italiani. In estate manteneteli: sono nemici giurati delle zanzare.
3 Limone e aceto: mettete in un piatto questi due ingredienti e posate il piatto all’esterno della finestra o del balcone della stanza in cui riposate. L’odore terrà alla larga gli insetti.
4 Pipistrelli: se accogliete con una bat-box (tana apposita) i pipistrelli sul vostro balcone o giardino, state certi che non vedrete più zanzare.
5 Menta e basilico: un buon repellente naturale. Fate bollire delle foglie di entrambe le piante, filtrate l’acqua e conservatela il frigo. La sera emulsionatevi con questo liquido, funzionerà da repellente naturale.
6 Pesci rossi: ebbene sì, all’apparenza inutili e innocui, nella realtà si cibano di larve di zanzare e possono essere molto efficaci nella prevenzione della diffusione di questi insetti.

Rimedi classici che funzionano

Fra i tanti rimedi diffusi quelli che davvero funzionano sono:

Leggi anche:  Ragazzino 16enne travolto dal treno forse per una tragica scommessa

1 La classica zanzariera, se non va mai fuori uso un motivo ci sarà.
2 Repellenti elettrici: che diffondono un odore praticamente non percepibile per l’uomo ma sgradito alle zanzare.
3 Evitare fonti di luce che attirino l’attenzione degli insetti.
4 Ventilatore: le zanzare non sono in grado di orbitare in correnti di aria troppo forti.

Piccoli suggerimenti 

Attenzione all’accumulo di acqua stagnante in contenitori, bidoni, annaffiatoi e secchi o in vasche aperte presso orti, giardini e pertinenze delle abitazioni. E’ anche da evitare l’abbandono di oggetti o contenitori dove possa raccogliersi l’acqua piovana (barattoli, lattine, bicchieri, ma anche pneumatici dismessi ecc.) così come il tenere qualsiasi contenitore pieno d’acqua a meno che non venga completamente svuotato non oltre i 3-4 giorni.

A Cesano disinfestazione in corso

Intanto a Cesano Maderno l’Amministrazione Comunale promuove una campagna di disinfestazione e di lotta alla diffusione delle zanzare e ad altri insetti dannosi presenti sul territorio con un piano di 6  interventi, ciascuno della durata media di 3 giorni, effettuati nelle tombinature stradali.

“Per una miglior programmazione, l’incarico affidato è stato previsto di durata triennale – ha commentato l‘Assessore all’Ambiente Salvatore Ferro -, così da poter procedere con maggior speditezza in futuro e rispondere prontamente alle aspettative della cittadinanza.”

Il primo intervento di disinfestazione è stato effettuato l’ultima settimana di giugno e sarà ripetuta dopo la metà di luglio, a metà e fine agosto, a settembre e infine ad ottobre.