Rimprovera tre ragazzi sul treno proveniente da Paderno-Robbiate e diretto a Milano Porta Garibaldi e viene aggredito. Un 50enne è finito al pronto soccorso dell’ospedale San Gerardo.

Rimprovera i ragazzi e viene aggredito

Ieri, venerdì 30 novembre, un dipendente del Commissariato di Monza, libero dal servizio, mentre il convoglio si trovava all’altezza della stazione di Monza è intervenuto dopo aver udito le urla di alcuni pendolari.

Immediatamente l’agente è intervenuto e, nonostante il sovraffollamento del convoglio e la calca che si stava creando per i passeggeri che tentavano di scappare, ha raggiunto velocemente il centro della carrozza notando un pendolare piegato su se stesso, con una vistosa ferita sanguinante all’occhio sinistro.

L’uomo era stato aggredito da un ragazzo che urlava contro di lui in italiano e in lingua araba.

Immobilizzato l’aggressore

Il poliziotto, mentre invitava alla calma gli altri passeggeri, ha immobilizzato con non poca fatica l’assalitore che voleva nuovamente scagliarsi sulla vittima e ha tenuto a debita distanza i suoi quattro amici complici del pestaggio ai danni del 50enne.

Immediatamente sono intervenuti anche gli agenti del posto di Polizia ferroviaria dello scalo monzese. I cinque, una volta scesi dal treno, hanno nuovamente  colpito l’uomo prima di essere stati bloccati dalle Forze dell’ordine.

Leggi anche:  Grave incidente a Desio SIRENE DI NOTTE

Il malcapitato, che ha riportato la frattura dell’orbita oculare sinistra con una prognosi di 25 giorni, ha raccontato di essere stato aggredito dai giovani solo per averli rimproverati in quanto, incuranti del sovraffollamento della carrozza, stavano dormendo sdraiati sui sedili occupandone tre ciascuno.

Tre dei cinque giovani, tutti italiani: P.D. 18enne residente a Torino, A.A.E.F. 23enne residente a Lesmo e T.A. 25enne residente a Brugherio, sono stati tratti in arresto per lesioni aggravate e questa mattina, sabato, saranno giudicati per direttissima dal Tribunale di Monza, mentre gli altri due (una ragazza italiana ed un giovane rumeno), sono stati denunciati in stato di libertà.

© RIPRODUZIONE RISERVATA