Mano a mano che passano le ore si scoprono sempre più dettagli sulla sparatoria a Brugherio della scorsa notte, causata da una lite in famiglia.

Sparatoria a Brugherio nata da una lite in famiglia

La ricostruzione della vicenda è sul Giornale di Monza oggi, martedì 17 luglio, in edicola. A generare il tutto una banale lite tra un 28enne albanese e la moglie, di origine moldava, residenti in via Cavour. I toni si sono scaldati sino a quando la donna ha deciso di chiamare alcuni famigliari.

L’arrivo dello zio

A quel punto da Alessandria è arrivato lo zio per “risolvere la situazione”. Un’ingerenza nelle questioni famigliari non gradita dal 28enne, che ha impugnato una pistola e gli ha sparato, ferendolo all’addome.

Il corpo in strada

Dopodiché, e qui la vicenda è ancora da chiarire, da solo o con l’aiuto di qualcuno, ha preso il corpo dell’uomo e l’ha abbandonato in strada, all’incrocio tra via Cavour e via Mazzini, dove è stato trovato dai soccorritori. Poi è salito a bordo di un’Alfa 159 e si è dileguato. Al momento è ancora latitante, mentre il ferito è stato operato nella notte ed è ancora in prognosi riservata.

Leggi anche:  Elisoccorso a Brugherio per un pedone investito

GUARDA QUI I VIDEO DELL’INTERVENTO DI SOCCORRITORI E FORZE DELL’ORDINE

Maggiori dettagli sull’edizione odierna del Giornale di Monza in edicola e in versione sfogliabile web

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI