Esasperato dai rumori minaccia il vicino di casa con una pistola, denunciato un operaio 51enne di Meda, italiano, incensurato, al quale sono anche state sequestrate le armi, regolarmente detenute.

Era stufo dei continui rumori

I Carabinieri sono intervenuti in un condominio nella zona di via Sauro, per sedare una lite verbale scoppiata tra vicini di casa. In base a quanto è stato possibile ricostruire, il medese, stufo dei continui rumori provenienti dall’appartamento dei vicini, originari dell’Est Europa, avrebbe iniziato a questionare con il capo-famiglia. Non ne poteva più, infatti, dei rumori causati sia dalla presenza di un bambino piccolo che da alcuni lavori di ristrutturazione in corso.

Minaccia il vicino con una pistola

Fatto sta che i toni si sono ben presto accesi e il 51enne, su tutte le furie, ha impugnato la sua «Beretta 9×21», regolarmente detenuta, e l’ha puntata con fare minaccioso contro il contendente. Sul posto si sono precipitati i militari della stazione cittadina, che hanno riportato la calma. Il medese è stato denunciato per minaccia aggravata e a seguito dell’episodio, a scopo precauzionale, tutte le armi che aveva in casa (oltre alla «Beretta» due fucili e una carabina) sono state sequestrate. A seguito del litigio, la moglie del capo-famiglia minacciato, in stato di gravidanza, ha accusato un malore. Trasferita in ambulanza al Pronto soccorso dell’ospedale di Desio per accertamenti, è stata dimessa poco dopo.