A Seregno gli abitanti di via Como allarmati per il taglio delle piante al margine della ferrovia. Operai al lavoro nella mattinata di sabato per rimuovere gli alberi pericolosi a ridosso dei binari.

Operai al lavoro in via Como a Seregno

In via Como, sabato mattina, una decina di operai incaricati dalle ferrovie ha tagliato piante e cespugli a ridosso della linea Milano – Como – Chiasso. Alcune ore di intervento per rimuovere tutte le essenze arboree, fra cui numerose acacie. Allarmati i residenti della zona, che non erano avvisati dei lavori di manutenzione del verde.

Piante tagliate per motivi di sicurezza

Le piante, come ha spiegato il responsabile della squadra di manutenzione, sono state tagliate per motivi di sicurezza visto che i rami degli alberi rischiavano di invadere la sede ferroviaria. Alcuni rami si erano pericolosamente piegati verso i binari della ferrovia dopo la nevicata dei giorni scorsi.

I residenti: “Nessuno ci ha avvertito”

I residenti di via Como e via Saronno, che vivono in uno spicchio compreso fra le due linee ferroviarie per Como e per Saronno, si sono comunque lamentati per il mancato preavviso dei lavori di manutenzione del verde. Chiamata dagli abitanti, sul posto è giunta la Polizia locale che ha verificato il permesso degli operai e ha richiesto la rimozione degli alberi tagliati e delle ramaglie dalla sede stradale al termine dei lavori.

Leggi anche:  Ha violentato quattro donne, preso il maniaco del distributore

Tanti disagi a ridosso delle ferrovia

Gli abitanti  della zona sono comunque alle prese con numerosi disagi. Si sbriciola il manto stradale a ridosso delle barriere fonoassorbenti di via Saronno, spesso scambiata come cestino dei rifiuti dagli automobilisti in transito o fermi in attesa per il passaggio a livello chiuso.  A bordo strada spuntano rifiuti di ogni genere. E senza più alberi in via Como gli abitanti temono che, nottetempo, sia abbandonata altra immondizia al margine della carreggiata.

Un ampio servizio sul Giornale di Seregno in edicola da martedì, 12 febbraio.