Tangenti Sanità ancora sotto la lente della Guardia di Finanza di Milano. Sei arresti tra cui un imprenditore titolare di una serie di società a Monza.

Tangenti Sanità: sei arresti coinvolto anche un imprenditore monzese

Mazzette e regali in cambio della fornitura di protesi ortopediche. Il Nucleo di Polizia tributaria della Guardia di finanza di Milano ha arrestato oggi quattro primari (ai domiciliari) del Galeazzi e Pini di Milano, un direttore sanitario e un imprenditore titolare di una serie di società, tutte con sede nel centro di Monza.

Il blitz questa mattina

Il blitz è scattato questa mattina: i militari  sono entrati in azione su ordine dei pm milanesi Eugenio Fusco e Maria Letizia Mannella. Ai domiciliari sono finiti Paola Navone, direttrice sanitaria del Cto-Gaetano Pini e i due primari dello stesso ospedale: Carmine Cucciniello e Giorgio Calori. Sempre ai domiciliari due primari dell’ospedale Galeazzi: si tratta di Carlo Romanò e Lorenzo Drago. Per tutti l’accusa è corruzione.

In carcere invece è finito Tommaso Brenicci, imprenditore nel settore sanitario e titolare di una serie di società, tutte con sede nel centro di Monza.

Leggi anche:  Profughi a Briosco: al picchetto dei residenti anche Monti e Corbetta

Indagine collegata a Norberto Confalonieri

Il filone d’indagine è collegato ad una precedente inchiesta che nel marzo 2017 aveva coinvolto il chirurgo ortopedico brianzolo Norberto Confalonieri (ex primario del Gaetano Pini). ( NE AVEVAMO PARLATO QUI)

I precedenti

Il settore si conferma insomma al centro di enormi interessi, dopo gli ultimi casi che hanno interessato nel recente passato la Brianza a proposito di protesi e tangenti nel campo odontoiatrico.