Tenta di strangolare la ex moglie: arrestato 48enne

Prima l’ha buttata per terra, poi le ha stretto le mani intorno al collo. E’ sfuggita alla morte per un soffio la 52enne aggredita lunedì nel pomeriggio dall’ex marito, all’interno della lavanderia in cui lavora.

I fatti si sono consumati a Monza intorno alle 17 quando l’uomo, un 48enne disoccupato, sotto l’effetto dell’alcol si è presentato sul luogo di lavoro di lei. Da tempo la perseguitava, ma lunedì pomeriggio è passato ai fatti. Approfittando del fatto che fosse sola in negozio, l’ha aggredita, buttandola per terra e tentando di strangolarla.

La donna, con grande forza, è riuscita a divincolarsi e a scappare, rifugiandosi in auto, da dove ha chiamato aiuto. Sul posto si sono precipitati gli agenti della Polizia di Stato. Al loro arrivo, il 48enne era ancora sul posto, ubriaco. Lui è stato arrestato, mentre la donna è stata trasportata in ospedale per gli accertamenti del caso. Medicata, è stata dimessa con dieci giorni di prognosi.

Leggi anche:  Dottoressa picchiata e insultata in Pronto soccorso

Da controlli più approfonditi, è emerso come le violenze – sia fisiche che morali – andassero avanti da anni. Lui, all’indomani della separazione – avvenuta un paio d’anni fa – aveva iniziato a chiamarla e a riempirla di insulti, pretendendo da lei anche soldi. Diverse le denunce che la 52enne aveva sporto nei suoi confronti, tanto che era stato anche arrestato una volta e colpito da ordine di allontanamento un’altra.