Ventitré persone in manette e oltre trecento chili di droga sequestrati. E’ il bilancio di una vasta operazione che sta coinvolgendo i carabinieri del Comando provinciale di Milano dall’alba di oggi, giovedì 3 maggio.

Trecento chili di droga sequestrati

Dalle prime luci del giorno, i Carabinieri del Comando Provinciale di Milano, nelle province di Milano, Como, Monza e Brianza, Novara, Reggio Emilia, Savona, Torino e Varese, stanno dando esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare, emessa dal Gip del Tribunale di Milano, nei confronti di 23 italiani (di cui 16 in carcere, 6 agli arresti domiciliari e  uno all’obbligo di presentazione alla Polizia giudiziaria), ritenuti responsabili a vario titolo di cessione di sostanze stupefacenti, ricettazione, porto illegale di armi comuni da sparo, detenzione abusiva di armi e munizioni e intestazione fittizia di beni.

Gruppi ben organizzati

L’indagine, condotta dai Carabinieri del Nucleo Investigativo di Milano ha consentito di individuare gruppi criminali ben organizzati, divisi in “batterie”, che si rifornivano di cocaina da soggetti di origine calabrese, contigui alla ‘ndrangheta, nonché di hashish e marijuana dalla Spagna e da cittadini nordafricani operanti nel capoluogo meneghino e nell’hinterland. La redistribuzione dello stupefacente agli acquirenti, anche a domicilio, avveniva in Lombardia, Piemonte e Liguria.

Leggi anche:  Nasconde la droga tra la legna limbiatese arrestato per spaccio

Ulteriori dettagli saranno diffusi in mattinata