Mercoledì, in un’area posta lungo via Brasca nel cuore del Parco Adda Nord, le Forze dell’ordine hanno fatto scattare la nona operazione di sgombero della Giunta  guidata dal borgomastro Danilo Villa.

La Forza pubblica vigilava sullo sgombero

Il blitz è scattato mercoledì alle 7, quando è stata data esecuzione a una ordinanza del questore di Milano per lo sgombero dei due caseggiati abusivi posti nelle vicinanze dell’«Oasi Le Foppe». C’erano trenta militari del Battaglione mobile dei carabinieri del capoluogo lombardo agli ordini del capitano Antonio Stanizzi, coadiuvato dalla tenente Federica Massa e dal luogotenente Marco Bennati della stazione di Trezzo. C’erano poi i militari della Compagnia di Vimercate, insieme agli agenti della Locale. Per garantire lo svolgimento delle attività in sicurezza l’area è stata circoscritta e interdetta al passaggio per oltre 14 ore. Anche a seguito di una lunga trattativa con la controparte e per le operazioni di sgombero dei locali. Questi, secondo quanto stabilisce la legge, sono ora di proprietà del Comune.

sgombero

Leggi la notizia completa sul prossimo numero della Gazzetta dell’Adda in edicola da sabato 31 marzo e nell’edizione online.