Quattro famiglie a rischio sfratto esecutivo nelle case comunali di Trezzo. Il sindacato inquilini tenta di impedire lo sgombero, ma per l’Amministrazione non si può più fare nulla.

Quattro famiglie sotto sfratto esecutivo a Trezzo

Oggi, mercoledì, presso la sede del Sicet, il Sindacato inquilini casa e territorio, ha convocato una riunione invitando otto famiglie morose residenti nelle case comunali di via Adda a raccontare le loro situazioni. Per quattro di esse è già stata avviata la procedura di sfratto esecutivo. Il sindacato inquilini, per bocca del suo referente Gianluigi Colombo, ha chiesto all’Amministrazione di sedersi attorno a un tavolo per cercare di fermare lo sgombero e ridiscutere, caso per caso, le varie situazioni.

Per l’Amministrazione “la procedura è inarrestabile”

Il sindaco Danilo Villa, però ha subito gelato gli animi. “Non possiamo fermare le procedure di sfratto esecutivo, perché non dipendono dall’Amministrazione comunale”, ha replicato il primo cittadino. “In secondo luogo siamo disposti ad ascoltare le istanze dei cittadini se da parte loro c’è la volontà di risolvere la morosità pregressa, anche se ricordo che ci sono casi in cui questa situazione va avanti ormai da parecchi anni. Segnalo, inoltre, che c’è una graduatoria con diverse persone in attesa di poter usufruire di un alloggio comunale”.

Leggi anche:  Settimana nera per gli infortuni sul lavoro: un altro morto in Lombardia

La notizia completa sul prossimo numero della Gazzetta dell’Adda in edicola da sabato 12 gennaio e nello sfogliabile online

Clicca qui per tornare alla home page e leggere altre notizie del giorno.