Croce Rossa di Desio: un volontario 22enne salva la vita ad un motociclista

Croce Rossa di Desio: volontario eroe

Appena l’ha visto a terra, privo di sensi non ci ha pensato due volte. E’ sceso dal suo furgone in mezzo al traffico sulla SP56 tra Missaglia e Montevecchia e ha raggiunto l’uomo iniziando a praticargli il massaggio cardiaco. L’eroe è Stefano Zimbani, 22enne, da pochi anni al servizio della Croce Rossa di Desio come volontario che ieri ha salvato la vita ad un motociclista, rimasto a terra privo di sensi dopo un brutto scontro con una macchina, che con tutta probabilità non ha rispettato la precedenza.

Le foto dopo lo scontro tra il motociclista e l’automobile

Fondamentale l’intervento del giovane

Stefano, accortosi della gravita della situazione ha allertato i soccorsi e nell’attesa ha iniziato subito a praticare all’uomo, Daniel A.R. 40 anni di Bergamo le manovre previste dal protocollo BLS (sostegno di base alle funzioni vitali) in caso di arresto cardiaco.

Leggi anche:  Fa inversione e finisce in un fosso: l'84enne aveva la patente scaduta

L’intervento del giovane è stato fondamentale per mantenere stazionarie le funzioni vitali del motociclista fino all’arrivo dell’ambulanza giunta dall’Ospedale Mandic di Merate e dell’elisoccorso di Como.  I soccorritori hanno stabilizzato il paziente e lo hanno trasferito a Bergamo. I volontari invece si sono presi cura dell’automobilista, un 20enne di Carnate alla guida di una Polo, che ha riportato qualche ferita.

La dinamica dell’incidente

I rilievi dell’incidente sono stati affidati alla polizia locale di Montevecchia, presente sul posto assieme a una pattuglia di Carabinieri. Saranno loro a dover stabilire l’esatta dinamica dell’accaduto e le eventuali responsabilità. Dai primi riscontri sembrerebbe che la Polo in uscita da Via Kennedy e in fase di immissione sulla SP 54 non abbia dato la precedenza alla moto con a bordo il 40enne causando così lo scontro.