Vuole gettarsi dal ponte: 18enne salvato dalla Polizia. Paura ieri sera, venerdì: il giovane, a cavalcioni sulla passerella pedonale, è stato convinto dagli agenti a desistere e a scendere dal cornicione. E’ il secondo salvataggio da parte della Polizia nel giro di pochi giorni, dopo l’episodio avvenuto in viale Fulvio Testi.

Giovane vuole suicidarsi lanciandosi dal ponte

Erano da poco passate le 20, quando una pattuglia del Reparto volanti del Commissariato di Sesto San Giovanni è intervenuta in via Clerici dopo la segnalazione della presenza di un giovane, seduto in cima all’alto ponte pedonale che sovrasta la carreggiata, che manifestava intenzioni suicide. Una volta giunti sul posto, il capo pattuglia ha subito raggiunto il ragazzo, mentre il collega di pattuglia ha immediatamente bloccato il traffico su via Clerici e allertato i Vigili del fuoco. Sul ponte c’erano già le Gev, che avevano cercato, purtroppo senza successo, di convincere il 18enne a scendere.

Il 18enne è stato convinto a scendere dal cornicione

Lo stesso capo pattuglia, a pochi metri dal 18enne, ha iniziato a parlare con lui, a dialogare. Obiettivo: tranquillizzarlo ed evitare che portasse a termine l’insano gesto. Dopo alcuni minuti il ragazzo è diventato più collaborativo e si è confidato. Ha detto ai poliziotti di attraversare un momento difficile, per alcuni problemi familiari e per la recente rottura del fidanzamento con la sua ragazza. Poi il lieto fine: il 18enne – di origini peruviane – ha deciso di scendere dal cornicione, aiutato dalla Polizia e dai pompieri.

Leggi anche:  Cade un albero per il forte vento mentre è alla guida: miracolato FOTO E VIDEO

Poi l’abbraccio e il trasporto in ospedale

Il 18enne, scosso e infreddolito, ha voluto abbracciare i suoi salvatori, che ha chiesto potessero rimanere con lui anche in ospedale. E’ stato trasportato al Pronto soccorso di viale Matteotti, in codice verde, da un’ambulanza intervenuta in ausilio. Una volta visitato e tranquillizzato completamente, sono stati avvisati i familiari, che sono venuti a prelevarlo in ospedale. Sperando che l’incontro con i suoi “angeli” abbia cancellato in lui definitivamente ogni cattivo pensiero.