Templari: storia e leggenda

E’ il titolo della mostra ideata e progettata dalla Fondazione DNArt di Milano, in collaborazione con il Circolo Culturale della Letteratura e delle Arti di Milano. La mostra sarà aperta dal 1 aprile al 2 luglio. Attraverso l’esposizione di importanti e significativi reperti storico-artistici, si prefigge di illustrare il problema templare innanzitutto come eredità storica. Il percorso espositivo dà particolare rilevanza a due elementi fondamentali. Il fascino dell’Oriente e il processo contro il Tempio. Si tratta di un’esposizione unica nel suo genere per la portata del tema, per la bellezza e l’unicità di reperti che schiudono anche al più impreparato visitatore nuovi orizzonti di interpretazione storica, ma, soprattutto, per la sua stessa strutturazione.

Documenti in mostra

Attraverso l’esposizione di affreschi, sculture ed oggetti la mostra illustra la nascita, lo sviluppo, la fine e l’eredità dell’Ordine, lungo il percorso di diverse tappe diacroniche e le gesta dei personaggi che ne hanno fatto la storia. La mostra ha anche una finalità simbolica : infatti i reperti artistici che la illustrano – pur nella loro semplice bellezza estetica – racchiudono anche un complesso di simboli e di metafore che formano un’eredità ancora viva, nella cultura del nostro tempo. Lungo il percorso espositivo si snoda una storia – quella dei Templari – divenuta epopea, capace di illustrare molti aspetti della nostra storia contemporanea.

La nascita

La nascita dell’Ordine del Tempio è, infatti, uno degli avvenimenti chiave della storia europea: la creazione di una forza, per la prima volta universalmente riconosciuta e riconoscibile, preposta alla difesa dei pellegrini, di un’idea di bene e di valori comuni e condivisi, che da quel momento risulteranno fondanti per i sistemi di governo futuro. La protezione dei deboli, la virtù e l’abnegazione al servizio del compimento del dovere, la subordinazione degli interessi particolari ad un concetto di bene universale, rappresentano le nuove parole d’ordine di una comunità del coraggio e della cavalleria.

Leggi anche:  "Tintoretto rivelato" a Lecco: tutto quello che c'è da sapere sulla grande mostra

Templari in Brianza

In Brianza per esempio, c’è un Comune che ha inserito, nel proprio stemma, la croce di Malta. Si tratta di Aicurzio, – nei pressi di Vimercate-Bernareggio – dove l’Ordine del Tempio (“fratello” di quello di Malta) presidiava il limite nord-orientale della piana milanese. La mansione, chiamata Castelnegrino, fuori dal paese, sulla direttrice di Verderio, ha subìto varie modifiche, ma sono tuttora riconoscibili le strutture di base: vari corpi di fabbrica disposti attorno a due corti. Attualmente c’è una residenza privata e non è possibile visionarla all’interno. La casa padronale coincide con il monastero medievale, con una cappella consacrata a san Giacomo. Più avanti si trova una cascina chiamata La Commenda, su una torretta si scorge la croce di Malta.

 

Sede SPAZIO COBIANCHI GALLERIA
Galleria Vittorio Emanuele II lato via Grossi MILANO
Orari: Martedì-Domenica 10.00/20.00 Lunedì 15.00/20.00
Informazioni e prenotazioni: 02 89095044 info@circolocobianchiduomo.it