L’Arcivescovo Mario Delpini sarà al concerto “Chaire! Il cammino della speranza”, in programma martedì sera al Teatro Belloni.

Protagonista l’associazione Elikya

Il “teatro d’opera più piccolo al mondo” è pronto ad ospitare uno speciale concerto multietnico che inizierà alle 20.45. A promuovere l’evento è l’associazione Elikya. Protagonista sarà proprio il coro dell’associazione stessa, composto da 62 persone di 16 nazionalità differenti. Per l’occasione l’ensemble proporrà brani tratti dalle tradizioni culturali e religiose di diversi Paesi reinterpretati attraverso le sonorità degli strumenti africani e di quelli tipici della cultura europea. Il coro è attivo dal 2010 grazie all’iniziativa del maestro Raymond Bahati, originario della Repubblica Democratica del Congo, che ne assume la direzione musicale e artistica. L’idea nasce dall’esperienza maturata all’interno del COE (Centro Orientamento Educativo), fondato don Francesco Pedretti.

Non solo musica, anche testimonianze

Insieme ai brani musicali, compresi alcuni inediti che faranno parte del nuovo cd in fase di registrazione, ci sarà spazio anche per un intervento dell’Arcivescovo Mario Delpini, ma anche per le testimonianze di giovani di diverse culture e confessioni, ma uniti dalla stessa fede cristiana che appartengono all’Associazione Elikya, che prende il nome da una parola che in lingua lingala (originaria del Congo) significa “speranza”.  L’associazione opera per l’esclusivo perseguimento di obiettivi di promozione umana e culturale, nei diversi ambiti della società civile e religiosa. Attraverso la propria attività sostiene progetti di sviluppo, promozione umana o integrazione in paesi esteri e in Italia.